Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Cristina Cossu

Insegnante, nato mercoledì 26 giugno 1968 a Cagliari (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Cristina

Intorno è fuoco

Tacciono gli animi
senza più voce,
tacciono gli occhi
privi di luce.
Intorno è fuoco.
Urla il bugiardo
le proprie menzogne
urla alla vita
la sua ultima scena.
Il fuoco è intorno
lambisce i contorni dell'anima
non la fa sua.
Il silenzio della verità
è l'acqua di nuova vita
raggio di speranza
cibo di rinascita.
Incrocio lo sguardo incerto
di quell'uomo
cui la vita matrigna
ha negato l'amore.
Composta sabato 27 giugno 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cristina

    Cosciente consapevolezza

    Sfoglio le pagine del mio vissuto
    alla ricerca di una sporadica traccia di colore.
    Scorgo soltanto
    inchiostro sbiadito da gocce di dolore
    su fogli un tempo immacolati,
    depositari fedeli
    di inquietudini
    partorite da alleati del male.
    Violenti e meschini
    i terremoti
    sconquassano l'anima
    sfidando il tempo
    del respiro e del ritorno alla vita.
    Silenzi, menzogne, gesti oscuri
    complici di uomini e sorrisi
    fusi in un tutt'uno con l'indifferenza,
    sordi a qualunque supplica
    pieni di se e delle loro illusioni.
    Cerco il sole, le luci della notte
    una emozione, una prospettiva.
    Ora più su, solo masse deformi
    intente a rincorrersi
    nel loro eterno moltiplicarsi
    affinché io non veda mai più
    quello che un tempo
    è stato il mio pezzo d'immenso.
    Composta lunedì 22 giugno 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cristina

      All'angolo della via

      Hai un volto, un nome
      una terra, una storia.
      All'angolo della via
      battuta dal vento gelido dell'indifferenza
      tendi la mano
      verso una pietà
      ai più sconosciuta,
      nel rumore,
      tra passi distratti
      e pensieri indifferenti.
      Hai lasciato il sorriso
      all'ultima illusione di felicità,
      chissà dove
      tanto tempo fa.
      Il sole non abbraccia
      quell'angolo di strada;
      anche i diamanti della sera
      generosi
      cedono il posto a nuvole
      senza forma ne colore.
      La pioggia,
      cadendo sul tuo viso,
      cerca quelle lacrime
      che da tempo
      hanno abbandonato i tuoi occhi rassegnati.
      La sera
      spegni la luce
      su una giornata uguale a tutte le altre.
      Pochi spiccioli gettati con distrazione,
      i cartoni all'angolo di una via
      per giaciglio
      e, nel pugno chiuso,
      il gran valore
      della tua dignità.
      Composta domenica 7 giugno 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cristina

        Nulla torna

        Vorrei chiamarmi tempo
        per riviverti come i primi giorni.
        Vorrei chiamarmi mare
        per farmi trascinare ancora
        dalle correnti di una grande passione.
        Vorrei essere quella lacrima che
        percorrendo il tuo volto
        si posò sulle tue labbra.
        Vorrei essere un abbraccio
        per portarti con me
        dentro la magia.
        Vorrei essere due occhi
        che ti vedono
        come un tempo
        ed un cuore
        che batte come allora.
        Vorrei rivivere nel presente
        quel passato a colori
        cancellato da gesti
        che il tempo non ha perdonato.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cristina

          Notte d'estate

          È sera quando le stelle
          si tuffano nell'argento
          del mare d'estate.
          La riva si lascia accarezzare
          dalla candida schiuma
          di timide onde.
          Passi leggeri
          calpestano sentieri
          senza tempo.
          Una brezza svogliata
          si insinua tra i capelli,
          gioca con le mie vesti bianche
          suona la sua canzone.
          Ascolto rapita
          le note del mare,
          fondersi in una melodia
          che commuove l'anima.
          Per ogni diamante in cielo
          un brivido
          che racconta un pezzo di vita, una emozione
          un sogno da realizzare.
          Il passato, il presente
          e ciò che sarà.
          La luna strizza l'occhio da lassù
          ad illuminare la notte
          di chi sogna
          di chi ama
          di chi tenta di afferrarla
          per sentirsi meno solo.
          Mi volto.
          Accanto e intorno a me
          tanti volti, tante storie, tante speranze
          calpestano quei sentieri senza tempo!
          Vota la poesia: Commenta