Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Cleonice Parisi

Quando l'Ignoranza è Grazia

Non ad ogni domanda l'uomo troverà risposta nel suo cuore,
talvolta il troppo comprendere preclude la via al cielo.

Ignora quando è tempo di ignorare,
ed ignorando avrai la salvezza della tua anima.

Quantunque potessi conoscere le vie più impervie dalle quali sgorga un pensiero,
o la sua veste più tattile il sentimento,
e riconoscendone la malefica natura non fossi poi in grado di sradicarla dal tuo cuore:
Tu Uomo saresti colpevole.

Ma sei invece del tuo oscuro sentimento
non riuscissi a seguire il filo che conduce dal tattile al celato,
chi potrebbe mai chiederti di strapparne via le radici,
poiché non hai conoscenza del luogo in cui esse affondano:
Solo in questo caso, tu Uomo non saresti colpevole.

La vita è un giusto maestro,
diffonde consapevolezza,
e sottrae conoscenza,
il tutto affinché il tuo piede non inciampi per non rialzarsi mai più.

Nell'uomo che ignora non vi è colpa,
i suoi misfatti sono i figli della sua cecità,
e le sue grida sono i frutti della sua sordità.

Lascia a chi comanda il respiro del vivere,
diffondere consapevolezza,
o sussurrare incomprensibili verità,
anche questo fare appartiene al disegno della vita.

E quando nel tender l'orecchio non avrai compreso,
e nell'avvicinare l'occhio non avrai visto, sappi d'aver tra le mani la tua grazia e non la tua ignoranza.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cleonice Parisi

    Chi è causa del suo mal pianga se stesso

    Ciò che l'uomo produce,
    a se stesso resta.

    Nulla di ciò che pensi,
    navigherà lontano dal tuo animo,
    ogni pensiero ti accompagnerà dall'alba al tramonto
    e dal tramonto alla notte.

    Non creda l'uomo d'esser immune dai suoi stessi oscuri pensieri,
    i mali che lo affliggono altro non sono che i suoi frutti malati.

    Sempre grida i suoi affanni l'uomo afflitto,
    e della sua voce ne ha orecchie la montagna e il mare,
    ma delle sue colpe ne ha la certezza il cuore.

    Raccogli le tue lacrime e pesane il senso,
    raccogli i tuoi sorrisi e pesane il senso,
    la bilancia del vivere troverà sempre in se il suo equilibrio
    se a guidarla sarà stata la mano del tuo cuore.
    Vota la poesia: Commenta