Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: CINELLA MICCIANI

Anima confusa

Quando l'anima
ch'anela
è confusa,
i pensieri
s'azzuffano, litigano
s'annidano ovunque.
Sono uccelli migratori,
corposa scia di tracce
sulla neve fresca.
Carovane di pionieri
in marcia
verso l'ignoto
alla ricerca
di libertà.
L'anima confusa
insegue un sogno
che sa di magia.
Lo culla tenera
lo accarezza.
Non ne parla.
Teme si dilegui
com'orma
sulla sabbia.
Ogni giorno
lo stringe a sé
lo coccola
come mamma
col bimbo.
Se davvero
l'amore smuove le montagne,
il destino farà la magia.
Quel sogno speciale
si vestirà di speranza.
Accenderà le luci
dell'anima anelante.
Il desiderio agognato
diventerà realtà.
Composta sabato 19 novembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Spiragli di luce

    È buio
    intorno a me.
    La poca luce
    si frange
    nei pallidi
    riflessi lunari.
    Fuori
    la pioggia
    batte incessante
    sui vetri.
    Il picchiettio leggero
    ha la cadenza ritmica
    d'una soffusa melodia.
    Un pensiero
    quasi furtivo
    s'affaccia alla mente.
    Il tempo non sana le ferite
    ma leviga
    i segni attenua
    il dolore rimargina
    i graffi dell'anima.
    Ogni giorno
    bevo gocce
    di speranza.
    Mi sostengono
    aneliti di vita
    palpiti vibranti
    preludio d'amore.
    Spiragli di luce
    inondano l'anima
    dando un senso compiuto
    al mio esistere.
    Composta sabato 19 novembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Non mi cercate

      Oggi
      non mi cercate.
      Non è successo
      niente di grave.
      Mi manca solo
      la voglia
      di ridere
      e scherzare.
      Ho bisogno
      di stare sola
      ad ascoltare
      il silenzio
      dell'anima.
      Ho bisogno
      di leggere
      nel mio cuore,
      di ritrovarmi.
      Non mi cercate.
      Non è successo
      niente di grave.
      Mi piace
      ascoltarmi.
      Mi rasserena
      e mi dà forza
      il silenzio
      dell'anima
      che s'ascolta.
      Diverso
      dalle voci stonate
      che umiliano
      feriscono dentro,
      lasciando vuoti
      incolmabili,
      il silenzio
      dell'anima
      ha magie uniche.
      Ogni volta
      sa regalarmi
      attimi stupendi
      di pace infinita,
      aneliti d'eternità.
      Composta sabato 19 novembre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Ho camminato

        Ho camminato
        per ore ed ore
        senza una meta.
        Il cielo brillava
        colpito dai raggi
        d'un sole amico.
        Ho camminato
        per ore ed ore
        senza pensieri.
        Intorno a me
        un mondo in festa.
        Un ruscello scende
        lungo un pendio
        e canta gioioso.
        La natura sorride
        ad ogni passo.
        Il vento tiepido
        accarezza il cuore.
        Una macchia gialla
        mi corre incontro
        lasciandomi
        il profumo forte
        delle ginestre in fiore.
        Il cuore rintocca
        al ritmo cadenzato
        di vecchia campana.
        È il battito pulsante
        dell'emozione
        che m'esplode dentro.
        Ho camminato
        per ore ed ore
        con la musica in me
        con l'anima estasiata
        colma d'amore vero.
        Tu come sempre,
        racchiuso nel cuore,
        non m'hai lasciato mai.
        Ho camminato
        abbracciata alla Vita
        stretta forte a te
        ricolma di pace
        di respiri d'amore
        d'immensità.
        Composta sabato 19 novembre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Lembo di notte

          Un lembo di notte
          arrotolato
          si nasconde tra le stelle.
          La sera arriva.
          Il giorno
          piano piano scompare.
          Il buio avvolge tutto.
          Rimane accesa
          in alto
          una luna d'argento
          che ci guarda
          e sorride sorniona.
          Sa bene,
          questo faro celeste,
          come giocare
          con i cuori altrui.
          Una volta soffia
          s'una stella luminosa
          e cosparge cielo e terra
          d'un brillio ch'incanta.
          Sorride divertita
          al battito dei cuori
          e corre ad inventare
          altri magici incanti.
          Spintona una stella
          e la lascia cader giù.
          Noi sotto, creduloni,
          via a spedire il desiderio
          da inviare su nel cielo.
          Il cuore aspetta e spera
          perché altro non può fare.
          Preso da questo gioco,
          incantato dalla magia
          d'una luna d'argento,
          resta solitario
          a guardar tutto
          un lembo di notte
          arrotolato
          nascosto tra le stelle.
          Composta sabato 19 novembre 2016
          Vota la poesia: Commenta