Scritta da: Eclissi

Inno alla Bellezza

Tu vieni dal profondo cielo o sorgi
dall'abisso, o Beltà? Versa il tuo sguardo
infernale e divino, mescolati,
il beneficio e il crimine, e per questo
al vino ti potrei rassomigliare.
Hai nell'occhio l'aurora ed il tramonto;
come una sera tempestosa spandi
profumi; ed i tuoi baci sono un filtro,
e la tua bocca un'anfora, che fanno
coraggioso il fanciullo, l'eroe vile.
Sorgi dal nero abisso oppure scendi
dalle stelle? Il Demonio, affascinato,
come un cane è attaccato alle tue gonne;
spargi a caso la gioia ed i disastri,
e tutto reggi, e di nulla rispondi.
Sopra i morti, o Beltà, di cui ti ridi,
cammini. Non è il meno affascinante,
l'Orrore, tra le tue gioie; amoroso
sopra il tuo ventre orgoglioso danza
l'Omicidio, fra i ciondoli il più caro.
Vola abbagliata verso te l'effimera,
o candela, fiammeggia stride e dice:
"Benediciamo questa torcia! " Anela
l'innamorato chino sulla bella,
e ha l'aria d'un morente che accarezza
la sua tomba. O Beltà, che cosa importa,
o mostro spaventoso enorme ingenuo,
che tu venga dal cielo o dall'inferno,
se mi schiude la porta il tuo sorriso
ed il tuo piede e l'occhio a un Infinito
adorato ed ancora sconosciuto?
Di Satana o di Dio, che importa? Angelo
o Sirena, che importa se mi rendi,
- fata dagli occhi di velluto, ritmo,
profumo, luce, unica regina! -
questo universo meno ripugnante
e questi brevi istanti meno gravi?
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nadia De Luca

    Elevation

    Al di là degli stagni, delle valli e dei monti,
    al di là dei boschi, delle nuvole e dei mari,
    al di là del sole, al di là dell'aria,
    al di là dei confini delle stellate sfere,

    Tu, mio spirito, ti muovi con agilità
    e, come buon nuotatore che gode tra le onde,
    allegro solchi la profonda immensità
    con indocile e maschia voluttà.

    Fuggi lontano dai morbosi miasmi,
    voli a purificarti nell'aria più alta,
    e bevi, come un puro liquido divino,
    il fuoco chiaro che colma spazi limpidi.

    Le spalle alla noia e ai vasti affanni
    che opprimono col loro peso la nebbiosa vita,
    felice chi con ali vigorose
    si eleva verso campi sereni e luminosi;

    Chi lancia i pensieri come allodole
    in libero volo verso il cielo del mattino,
    - chi si libra sulla vita e comprende senza sforzo
    il linguaggio dei fiori e delle cose mute!
    Charles Baudelaire
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Julie Gensini

      Elévation (Elevazione)

      Au-dessus des étanges, au-dessus des vallées,
      des montagnes, des bois, des nuages, des mers,
      par delà le soleil, per delà les éthers,
      per delà les confins des sphères étoilées,

      Mon esprit, tu te meus avec agilitè,
      et, comme un bon nageur qui se pame dans l'onde,
      tu sillonnes gaiement l'immensitè profonde
      avec une indicible et male voluptè.

      Envole-toi bien loin de ces miasmes morbides;
      va te purifier dans l'air supérieur,
      et bois, comme une pure et divine liqueur,
      le feu clair qui remplit les espaces limpides.

      Derrière les ennuis et les vastes chagrins
      qui changent de leur poids l'existence brumeuse,
      heureux celui qui peut d'une aile vigoreuse
      s'élancer vers les champs lumineux et sereins;

      Celui dont les pensers, comme des alouettes,
      vers le cieux le matin prennent un libre essor,
      - qui plane sur la vie, et comprend sans effort
      le langage des fleurs et des choses muettes!

      Al di là degli stagni, delle valli e dei monti,
      al di là dei boschi, delle nuvole e dei mari,
      al di là del sole, al di là dell'aria,
      al di là dei confini delle stellate sfere,

      Tu, mio spirito, ti muovi con agilità
      e, come buon nuotatore che gode tra le onde,
      allegro solchi la profonda immensità
      con indocile e maschia voluttà.

      Fuggi lontano dai morbosi miasmi,
      voli a purificarti nell'aria più alta,
      e bevi, come un puro liquido divino,
      il fuoco chiaro che colma spazi limpidi.

      Le spalle alla noia e ai vasti affanni
      che opprimono col loro peso la nebbiosa vita,
      felice chi con ali vigorose
      si eleva verso campi sereni e luminosi;

      Chi lancia i pensieri come allodole
      in libero volo verso il cielo del mattino,
      - chi si libra sulla vita e comprende senza sforzo
      il linguaggio dei fiori e delle cose mute!
      Charles Baudelaire
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marianna Mansueto

        Inno alla Belleza

        Che importa che tu venga
        dall'Inferno o dal Cielo
        o mostro enorme, ingenuo, spaventoso!
        Se grazie al tuo sorriso, al tuo sguardo,
        al tuo piede penetro
        un infinito che ignoravo e che adoro?
        Che importa se da Satana o da Dio?
        Se sirena o angelo, che importa?
        Se si fanno per te - fata occhi, di
        velluto, ritmo, luce, profumo, mia regina-
        meno orrendo l'universo,
        meno grevi gli istanti?
        Charles Baudelaire
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di