Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Carmelo Cossa

Imprenditore, nato a Laurino SA (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Carmelo Cossa

Mamma

Nella casa dove un giorno guidavi le mie gesta,
mi mostravi il cammino della vita,
m'insegnavi ad aprire le ali per spiccare il volo,
oggi è per te un giorno speciale.

Vorrei gioire insieme a te, a tutti
ma nei tuoi occhi scorgo il rimpianto della giovinezza perduta
e l'insofferenza per ciò che un giorno sei stata ti addolora.
Non ti intristire.

La tua esistenza è stata e sarà ancora:
il dono della vita ai figli,
l'amore al tuo compagno,
al mondo e alla natura.

Hai pregato per un mondo migliore,
orgoglioso di te ti ammiro,
ti amo e ti abbraccio anche se
i tuoi occhi fissano solo il vuoto intorno a te.

Guardi il mondo senza vederlo
ascolti le parole senza sentirle
ma vedi me e mi scruti!
Io ti ho già visto? Chiede la tua bocca; ma forse è stato il cuore.

Anche l'anima potrebbe aver chiesto a te: ma lui chi è?
La mente stanca non riconosce più i tuoi figli.
Ma il tuo cuore sì! Lui batte ancora; per loro.
Ti adoro come i miei fratelli ti amo come loro, come tutti.

Sorridi senza rimpiangere il passato, accogli i novant'anni che bussano, falli entrare senza tristezza e senza rimpianti.

Sarò io, oggi, a guidare le tue gesta.
Abbracciami allora, perché se anche non mi riconosci...
Sono tuo figlio madre mia.
Composta martedì 1 novembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Carmelo Cossa

    Dimmi

    Dimmi che nel silenzio hai udito le mie parole
    e che nel mio respiro hai sentito il tuo.
    Dimmi che con un bacio abbiamo toccato l'anima
    e che non hai giocato con l'amore.

    Dimmi che non sono stato una goccia nell'oceano
    ma una lacrima di gioia sul tuo viso.
    Dimmi che a occhi chiusi hai visto le meraviglie del mondo.
    Ti prego; dimmi.

    No, tu non dici, tu non puoi dire.
    Mi sono perso nei tuoi occhi
    sei nei miei sogni, in ogni mio pensiero
    Tu... dimmi...

    No, tu non dici, tu non vuoi dire.
    E allora svanisci, non cercarmi, per te non esisto!
    Non provare a vedermi, diverrò invisibile!
    Sarò felice per te, ma non chiamarmi, sarò sordo!

    Non cercare più di entrare nei mie sogni
    per illudermi ancora.
    Vivi la tua vita; se riesci...
    La mia l'hai distrutta.
    Vota la poesia: Commenta