Scritta da: Carlo Schiavini

Ti amo

Ti Amo,
come il vento ama sfiorar le foglie
accarezzare quei rami che han pianto
nel perder verdi figlie.
Per queste lacrime versate su bianchi fogli...
lacrime cadute che valgon più delle parole.
Per il mio cuore nutrito del tuo amore
dove gelosamente custodisco i ricordi
i sospiri regalati di lontani e perduti amori.
Per i sogni che ogni notte mi regali
quando non ci sei... ma non puoi mancare
ed il tuo viso nella mente devo disegnare.
Per questa mano che ricama le parole
che solo chi ama sà raccogliere dal cuore.
Per quei momenti che ci sei e sei presente,
Per questo ti amo... e t'amo sempre.
Boypoe (Carlo Schiavini)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Carlo Schiavini

    A mio padre

    Ciao Papà,
    ora che non ci sei più scopro quanto mi manchi... mi manca il tuo sorriso... il tuo stropicciarmi i capelli, mi mancano i tuoi consigli mai ascoltati.
    Pensavo di essere cresciuto e allora rifiutavo queste attenzioni... solo ora mi rendo conto di quanto amore mettevi in questi semplici gesti... non si è mai grandi abbastanza per capire certe cose.
    Penso a tutto ciò che ho perso con te... è troppo tardi lo sò, è semplice per me ripetere che dovevo pensarci prima, la frase per coprire ogni genere di errore.
    Non ci sei più... ricordo di te ogni cosa, l'imbarazzo di quando venivi a scuola a prendermi, di quando salivo dietro a te in moto, la derisione degli amici che chiedevano se avevo ancora bisogno del papà... in quei momenti sentivo rabbia verso di te... solo ora che non ci sei più e che sono cresciuto capisco che tu valevi più di loro... perché... tu eri il mio migliore amico.
    Poi un giorno il Signore ha deciso di prenderti, tre lunghi anni... anni di sofferenza per te.
    Le parti si erano invertite, cominciai a diventare il padre di mio padre, io crescevo e tu diventavi sempre più piccolo... aiutarti a mangiare... rimboccarti le coperte...
    baciare la tua fronte, curarti come un bambino... come tu facevi con me.
    Poi una notte ti sei addormentato e hai voluto dormire più del solito... hai deciso di non svegliarti più.
    Ora Papà... io non sò se possano esistere gli Angeli,
    se cosi fosse io vorrei che tu fossi il mio e se vuoi passare la tua mano tra i miei capelli e stropicciarmeli... fai pure...
    io non sono più un bambino... sono tuo figlio!
    Solo cosi saprò che la parola "troppo tardi" non esiste...
    altrimenti ho sbagliato tutto.
    Scusa Papà... ma sarebbe troppo tardi chedere scusa.
    A mio Padre... Carlo
    Boypoe (Carlo Schiavini)
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Carlo Schiavini
      Quale luce potrò vedere
      se non quella dei tuoi occhi...
      Quale mare ascoltare
      se non le onde del tuo cuore...
      Quali petali sfiorare
      se non la tua pelle che mi appartiene...
      Spostandoti mi porti il tuo profumo
      sei l'aria che vive attorno a me...
      Specchi sono i tuoi occhi
      che riflettono il nostro amore...
      Amore, Amore, Amore,
      quando dirti Ti amo
      solleva la brezza nel cuore.
      Quando ascoltandoti
      il mondo si isola da noi...
      ci lascia soli... ci fà ascoltare...
      vivere e gioire di noi.
      Amore, Amore, Amore,
      la stella che ci unisce è ancora là
      brilla di mille colori,
      brilla del nostro amore.
      Brilla in questo cielo notturno
      che non dorme mai...
      un cielo stellato
      coperta che sfiora il tuo corpo
      che io ho accarezzato...
      sfiorato... percorso con un dito...
      Che sfiora le tue labbra
      che io ho baciato...
      sfiorato... percorso con le mie...
      Amore, Amore, Amore,
      ci sei nelle mie albe,
      nei miei tramonti
      ogni giorno sei tu e
      tu sei per sempre... Ti Amo.
      Boypoe (Carlo Schiavini)
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di