Poesie di Antonino Gatto

Libero professionista, nato martedì 16 maggio 1972 a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Antonino Gatto

Slot assassine

Luci e suoni nell'ombra
di un locale annebbiato
sguardi gelidi e spenti
nodo in gola in un fiato.
Così son vissute,
le ore ad una ad una
dalle pallide vittime
sempre in cerca di fortuna.
Questo è l'ultimo giuro,
per poi giocare di nuovo
e tentare al raddoppio
di riprenderlo al volo.
Finché il gioco finisce,
e ti resta soltanto
senza lacrime in tasca
l'emozione del pianto!
Antonino Gatto
Composta mercoledì 4 aprile 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonino Gatto

    Testamento

    Son trascorsi molti giorni,
    dalla mia ultima emozione,
    che mi ha scosso all'improvviso,
    come fosse un acquazzone.

    Ora foglia gialla al vento,
    lascio il posto ad un germoglio,
    che ben presto sarà contento
    di farmi rivivere nel suo nuovo giorno.

    Non è facile accettare
    l'ultima brezza che mi verrà a sfiorare,
    perché la paura mi fa un po' soffrire,
    e sento ancora un brivido, che mi fa sperare.

    Ma se ora leggi queste parole,
    è perché la paura è andata via,
    e si è trasformata nell'emozione
    che sfiora la tua pelle, e prima era la mia.

    Ho scelto queste parole, per dirtelo col cuore,
    che il seme che ti lascio, è frutto dell'amore,
    l'amore che ho scoperto, e mi hai donato tu,
    senza chiedermi nient'altro, che farne una virtù.
    Antonino Gatto
    Composta lunedì 26 marzo 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonino Gatto

      L'Amore

      Al confine d'aprile,
      con il maggio in splendore,
      inebriandomi i sensi,
      io conobbi l'amore.

      Vestiva di pesco,
      profumava di viole,
      caldo come d'estate,
      sono i raggi del sole.

      Mi sfiorava pian piano,
      e come un ape, sul fiore,
      conquistò il mio respiro,
      impollinandomi il cuore.

      Era bello l'amore,
      come gli occhi che hai tu,
      che dal primo momento,
      io non scorderò più!
      Antonino Gatto
      Composta venerdì 13 maggio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di