Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gianluca Somaroli

Stella cadente

La nostra stella è là nel cielo e si sente sola, non ce la fa più a star su...
Una volta il nostro amore, i nostri due cuori la sostenevano e la facevano brillare con una luce tutta particolare... la luce dell'amore.
Ora che noi non esistiamo più, la nostra stella si vuol lasciar cadere; e mentre la stellina senza più amore, sola sola, si lascia sprofondare nell'oscurità della notte, una lacrima solca il mio viso, perché so che quella stellina cadente non esaudirà nessun desiderio...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio D'Amico
    Come mare lasci il tuo sale sulla pelle
    fai sorridere all'orizzonte ogni nuovo giorno
    le prime luci dell'alba

    E rispecchia nelle calde acque di te
    l'ultimo filo di luce prima del calar del buio
    scende e si spegne in te ogni mio desiderio

    Come mare trascini il tuo ricordo dentro
    quei momenti li fermo a guardarti senza capire

    senza capire più cosa dire
    come smettere

    Restare lì muto e immobile
    magari voler raccontarti migliaia di cose
    di come il mondo mio di ogni giorno ormai
    si intreccia con te in ogni istante

    Si può dire tutto o niente
    e tentare di immaginare
    se puoi
    quello che sento poi...

    Le cose più vere non riesci mai a dirle.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Federico

      A Silvio

      Silvio caro, mio grande amore
      portami sempre nel tuo cuore.

      Tu che fai tutto in quattro e quattr'otto
      rubaci presto l'articolo 18.

      Giacché sei senza coscienza
      rubaci pure la contingenza.

      Visto che sei senza pietà
      levaci pure l'anzianità.

      E se vuoi fare le cose serie
      lasciaci anche senza ferie.

      Per migliorare la situazione
      togli di mezzo la liquidazione.

      Se l'inflazione ancora dilaga
      fregaci pure la busta paga.

      E per far dispetto ai sindacati
      aumenta la schiera dei disoccupati.

      Affinché sia tutto normale
      facci pagare l'ospedale.

      Perché vada tutto a buon fine
      facci pagare le medicine.

      Per evitare ulteriori danni
      ti prego, mandaci in pensione a novant'anni!

      Santo Silvio da Arcore
      Vota la poesia: Commenta