Poesie di Anna D'Urso

Nato mercoledì 17 febbraio 1965 a Palermo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Anna D'Urso

Giobbe, il perché...

Se la vita è contro di te, se non ti spieghi il perché,
se il giorno ti è avverso, se tuo figlio si è perso,
se il lavoro non va bene, se tua moglie soffre tante pene,
non prendertela con Dio, lui vuole solo il tuo bene.

Forse è il caso di analizzare il perché del tuo star male,
è arrivato il momento di parlare con tuo figlio,
capire ciò che sente senza giudicarlo senza appello,
di dare al lavoro una svolta e tanto impegno,
di guardare la tua donna con amore
è la metà della tua vita, non dimenticare.

Dio non c'entra con la vita che ci circonda,
il male viene da noi stessi per noncuranza,
per egoismo cerchiamo le risposte,
non vediamo che dentro noi sono in bella vista...

Dio ci guida, ci spinge a cercare,
ha dato il meglio di se, non smettiamo di pregare...
Anna D'Urso
Composta lunedì 22 giugno 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna D'Urso

    E tu sei lì...

    Un accordo di pianoforte e inizia la musica,
    un suono lieve accarezza le mie parole, i pensieri,
    e tu sei li,
    vedo la tua bocca muoversi, ma non sento,
    le parole feriscono, la musica le ferma...

    Tra noi non c'era amore, solo uno stupido gioco di violenza,
    un parlare all'anima, un buco in mezzo al cuore,
    un silenzio da colmare,
    fuori il mondo continua, ignaro dei frantumi del cuore,
    se ti ricorderai ci sarai,
    accordi che accarezzano le mie lacrime,
    un dolore che riempie questa stanza vuota,
    e tu sei lì...

    Dimenticare le parole, i gesti, ho parlato col vento,
    come fosse gesso sparso sulle mani,
    perché non è bastato amarti, non averti,
    nel cuore mi odi,
    e tu sei lì...
    Anna D'Urso
    Composta domenica 21 giugno 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna D'Urso

      Una pagina del tempo...

      Ho aperto le mie braccia a troppa gente,
      a chi amavo e a chi non meritava niente,
      ho lasciato il mio odore a chi mi ha inciso,
      a chi mi ha lasciato fiumi di lacrime sul viso.

      Non ho bussato al tuo cuore, la sua porta era aperta,
      mi aspettavi, credevo con amore, in un labirinto stretto,
      gli specchi riflettevano un passato, pensavo dimenticato,
      ma era soltanto una rifrazione di quel che invece sei adesso.

      Abbagli di luce hanno accecato il cuore,
      vuoto assoluto era l'amore,
      ora che scrivo in una pagina pulita
      godo appieno di questa meravigliosa vita...
      Anna D'Urso
      Composta domenica 21 giugno 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna D'Urso

        Perché un sogno?

        Sospinti dal vento come foglie al tramonto
        si segue l'istinto... non c'è ritorno...

        Un cuore viaggia attraverso l'amore,
        non ha meta né tempo, solo calore,
        inciampa nel fiume di mille parole,
        ama, desidera, sogna e poi muore.

        Si susseguono i giorni, gli amori, i ritorni,
        nel vento gettiamo i nostri sogni,
        nessuno li coglie, spariscono al sole,
        perché sognare se poi tutto muore?

        Per dire al domani che non siamo soli,
        per poter proseguire invece di morire,
        per poter sperare di provare ancora,
        per realizzare un sogno e che tutto non muoia...
        Anna D'Urso
        Composta giovedì 18 giugno 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna D'Urso

          La bellezza che cerchi

          Un mare verde cristallino accoglie il mio pensiero,
          fredda è l'acqua che vibra intorno,
          neve sciolta al sole il ritorno,
          unico il suo profumo in questo giorno.

          Lento il suo movimento come il mio respiro,
          assente è l'affanno per un amore vero,
          un'aquila sorvola il mio cielo
          privo di nuvole, doloroso come un chiodo di fachiro.

          Quando la bellezza incanta l'occhio
          nulla la combatte, c'è solo da dire addio,
          anche se il cervello non connette
          non compete neppure col migliore io;
          chi si sofferma a guardare il volo di un gabbiano,
          non sa quanta fatica fa un cuore solo
          per poter dire cosa batte in petto,
          dentro un involucro che delude te che sei un poeta maledetto...
          Anna D'Urso
          Composta venerdì 12 giugno 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di