Poesie di Anna D'Urso

Nato mercoledì 17 febbraio 1965 a Palermo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Anna D'Urso

Violenza

Non mi toccare, lo penso, non lo dico,
brutto bastardo che prendi ciò che nego,
aliti in faccia uno sporco respiro
non sei un uomo, sei solo un vampiro.

Succhi l'anima di una donna qualunque,
non importa chi sia, conta che arrivi al dunque,
le metti addosso il tuo corpo schifoso,
prendi di lei il domani che ormai ha perso.

Ritmi lenti scandiscono le preghiere
di te che senti senza vedere,
meglio abbassare le tue difese
così presto speri ti lasci in pace.

Una donna diventa un oggetto
se non è guardata con rispetto,
se in lei vedi solo lo sfogo di un istinto,
sei un animale, credi di aver vinto.
Anna D'Urso
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna D'Urso

    Pensieri e parole

    Qui nessuno è superiore,
    siamo uguali se scriviamo col cuore,
    nessuno è giudice di un altro,
    non c'è potere, non essere scaltro.

    Le nostre storie sono tante, normale quotidiano
    gente che ha una vita, se hai paura ti diamo una mano,
    questo luogo, per fortuna, ci accomuna
    sotto lo stesso chiaro di luna.

    Leggere senza commentare non è segno di
    prevaricazione,
    ma solo un silenzio che racchiude un'emozione,
    che non è facile esprimere se scrivi delle parole,
    magari poi pensi che in quel momento sei solo attore.

    Se leggi una poesia e non la senti tua
    è che forse che in quel momento sei solo controvento,
    allora aspetti che il mare sia in bonaccia
    per scrivere il giusto e non fare una figuraccia.

    Chi scrive con il cuore non merita un diniego,
    non puoi sapere quel che prova, non so se mi spiego,
    non c'è il più bravo, neppure il cattivo,
    io scrivo quel che sento altrimenti non vivo.
    Anna D'Urso
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna D'Urso

      27 Gennaio

      Per non dimenticare i sorrisi spenti, gli occhi dei bambini senza futuro colpevoli solo di appartenere ad un mondo normale, uguali nell'anima, ma ritenuti diversi agli occhi folli di esseri supremi che nulla avevano di umano, stipati come bestie in attesa di entrare nell'ultima camera prima della morte.

      Per non dimenticare i sogni spezzati, i boati di morte, le raffiche di mitra che spezzavano il silenzio, le urla di dolore, le sottomissioni ad un potere incontrastabile che ha tolto la dignità di essere umano anche a coloro che pregavano Dio.

      Per non dimenticare che certi orrori accadono tutti i giorni provocati dall'indifferenza, dall'avidità, dall'apparire superiori gli uni verso gli altri, ma inconsapevoli che un giorno tutti, indistintamente, saremo giudicati dalla volontà di Dio.

      Per non dimenticare che fare un gesto nobile non può far altro che bene al nostro spirito, per far si che il passato non sia il presente...
      per tutti i bambini che non sono diventati uomini.
      Anna D'Urso
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna D'Urso

        Una stella nel cuore

        Bella donna che hai stregato il suo cuore,
        ne hai fatto quel che volevi, ma senza amore,
        le tue parole suadenti lo hanno portato in
        paradiso
        ma poi dritte all'inferno, senza sorriso.

        Le vostre anime hanno consumato
        tutto l'amore che avevate nel fiato,
        mesi di speranza messi in discussione,
        gelosie che celavano un falso amore.

        Le voci della notte portavano il sereno
        là dove c'era il buio nel tuo cielo,
        ma quando il destino decise di cambiare,
        vi ha visti assai vicini e mai più tornare.

        Un tuffo nel passato ti fa perdere la testa,
        il cuore batte ancora, ma lei ha detto basta,
        gli sguardi di quel giorno sono rimasti nel vento
        e dopo tanti anni lei è ancora il tuo tormento...

        Illudersi di amare chi non ti ama davvero
        è come camminare sui binari mentre arriva il
        treno.
        Anna D'Urso
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna D'Urso

          Una spinta al cuore

          Lascia che io parli al tuo silenzio,
          lasciati cullare dal tuo dolce fiato,
          tira fuori le parole che dire non hai mai osato,
          fa che smetta quel logorante ronzio.

          Un tarlo dopo l'altro e la tua anima cola,
          la linfa che scorreva si esaurisce da sola,
          fa che si rigeneri col tuo dolce canto,
          non pensare a quel che hai perso, non aver
          rimpianto.

          Cos'altro potrei dirti che non ho scritto,
          tu tergiversi o te ne stai zitto,
          assumi un atteggiamento adatto,
          sei pirata sulla tua nave da matto.

          L'inverno che porta le foglie
          agli occhi grondanti di pioggia al mattino,
          chiudi il cancello alle tue spalle,
          io ti sarò sempre vicino...
          Anna D'Urso
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di