Teatrante faceto e serioso

Teatrante faceto e serioso
su sveglia! Poltrone andiamo
il palcoscenico del giorno
è già pronto e allestito da ore
il ruolo e la parte la conosciamo
oltre la platea e il coro, sulla pedana
comparse reciteremo il tiritera
tra luci e ombre, fischi e battimani.
Sei stanco del palco? Ma dai!
Non puoi ritirarti o eclissarti
se non si chiude il sipario
e violare le regole del contratto
che stipulasti col regista
all'inizio della messinscena!
Nella trama della commedia
apparire, è la tua missione
illuderti di essere, il tuo alimento
domandare e non sapere, la tua pena
amare utopie e amori, il tuo sogno!
Respira le tue sceniche polveri
tra la vigile gente di teatro
e variegate illuminazioni filtrate
e ricorda che sulla locandina
pure in fondo e minuscolo
a volte figura inaspettato il tuo nome.
Daì! La tournée è quasi alla fine.
Comica assurda tragica o grottesca
non puoi rifiutare la tua parte.
E se dimentichi battute?
Tranquillizzati: c'è sempre un suggeritore!
Angelo Michele Cozza
Vota la poesia: Commenta

    Labbra

    Labbra dai miei occhi appuntate
    perché così siete di baci disabitate?
    Vermiglie pieghe socchiuse parlatemi
    una schiuma vi bagni, un tremore
    per vicinanza sorriso vi dia
    fatevi fuoco, madide e lucenti
    carnose schiudetevi come fiore
    e eccitate pronunciate il mio nome
    lacerate i silenzi che portate in voi
    fine siate di un desiderio di baciare
    ardente tangibile e bramoso!
    Ad un avvicinamento un compenso offrite,
    non siate infedeli in una guerra di paure:
    non vi è minaccia ma desiderio di fusione;
    non isolatemi nella mia identità
    non appassite come ultime foglie sul ramo.
    Non so nulla di voi
    non conosco le ricompense
    che rilasciate a chi vi raggiunge
    quando ostili non siete
    e ad altre labbra vi attaccate!
    Oh splendete, luccicate, addolcite
    desiderate di appartenere a chi vi attende,
    mutate i vostri orli vellutati,
    senza rossetto non impallidite
    ma rosseggiate e progredite di amore
    per raggiungermi e farmi immortale:
    vivente io sia vissuto su voi
    in una vita che muore e scompare.
    Labbra non mi sfiorate appena
    ma soffocatemi di vita!
    Angelo Michele Cozza
    Vota la poesia: Commenta

      Forte su flavi campi picchia il sole

      Forte su flavi campi picchia il sole
      raro è qualche albero ombroso
      nelle gole rapaci diurni roteano
      rocce corruscano su declivi feraci.
      Giorni ferventi forieri d'afa
      per frescure in moratoria e lontane
      invieranno tutti ai monti o al mare
      si vuoteranno piazze e strade
      più tra i greti morderà l'arsura.
      Ciclico e uguale tutto si snoda
      nelle sue forme e nei suoi modi
      ripetibile scorre il nastro
      del tempo con le sue stagioni
      e nulla nel suo fluire lo muta.
      Chi va altrove in cerca di ristoro
      non fiuta il destino, miope poco vede:
      i bessi sognano bronzature invidiabili
      che diano nuova tonica all'eburneo corpo,
      i frugoli, sull'arenile intasato,
      (non contaminati da dolori e delusioni)
      armeggiano con i loro attrezzi
      friabili mura di cinta e torri erigono;
      si raccolgono pinoli, si vola su bici
      si bivacca tra boschi e si respira.
      Verrà poi la brevità del giorno
      consueta e in leggerezza
      la malinconia dell'autunno
      il freddo e l'uggia dell'inverno
      e si aspetterà di nuovo
      di partecipare a un'altra estate.
      L'egro ermo pensare del vecchio solo
      che non a garganella
      ma a gocce di vita si disseta sa
      e non ignora che non solo a scaglione
      ma pure a caso immite la morte viene.
      Sul contingente attuale e stagionale
      ci imbarchiamo e sbarchiamo
      acciuffando pezzi di vita che passano
      con un cuore sempre più disabitato.
      Angelo Michele Cozza
      Vota la poesia: Commenta

        Và, curro, jesce!

        Jesce ogge e dimane, và fòre
        và miezzo 'a via e cammina:
        che ce faje dint'a l'ombra
        'e sta prigione scura
        ca te si fatto su misura?
        'O campà sta là e t'aspetta:
        guarda 'e stelle 'a luna e 'o mare
        piglia sole e calore chiù ca può
        fatto na corsa e nun te fermà
        fino a che nun te manca 'o sciato!

        Chi t'o ddice have ragione!
        Và mmiez'a l'ato,
        tuzzele struscele e parlace
        di' chello ca maje dice
        astrigno na mano, dà nu vaso
        accattàte nu gelato: campa ovèro!
        Lascia stà 'e suonno ca te faje
        e "a fantasia dille puro accussì:
        -Si, amica mia, tu me faje cumpagnìa
        ma sulo cu te nun se po" campà! -

        Mo' vene primavera
        và 'a truvà nu sciòre
        e siento comme addòre!
        Puro 'a vita toje
        e' comm'a nu sciòre
        nun 'a fà seccà e murì
        dint'a nu carcere comme faje tu!
        Nun saje c'acqua 'e sciùmmo
        passa subbeto e po' scumpare
        pe' nun turnà maje cchiù?
        Angelo Michele Cozza
        Vota la poesia: Commenta

          Se da uno squarcio di tetro denso

          Se da uno squarcio di tetro denso
          di improvviso luminosa una cometa
          attraversa il cielo del tuo cuore
          adocchiane la scia filante
          pregna di fluvido fulgore
          docile e men greve altro
          ti appaia il tuo e il mio domani.
          Verso il nuovo giorno
          sgombro di nubi balza
          per l'aria tersa svolazza
          qual colomba innamorata
          attirata dal tenero tubare
          adescatore della mia voce.
          Oh fior d'amor vermiglio
          nato da sverno di radici
          che humus di cuore abbella
          repleto di linfa, saldo ostenta
          il tuo novello stelo
          tangente e carezzevole ti sia
          il respiro dei miei drudi sospiri
          carichi di rinate brame!
          Se esposta a disarmonie
          o a guasta di tempi ancor
          poi cangiassi ad altro volto
          scompagna d'amor non divenire
          prima dell'estremo silenzio
          che sconfitta farà la nostra vita.
          Là, nel rifugio che trovammo
          giochiamo a cantar la vita
          e pieghiamo la sorte dura
          per restare non vinti vivi
          convinti, che al tavolo di Eros,
          se non si bara, le sole carte
          che contino e diano punti
          solo seme di cuore possono avere!
          Angelo Michele Cozza
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di