Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Alessandro Manzoni

Scrittore, poeta e drammaturgo, nato martedì 7 marzo 1758 a Milano (Italia), morto giovedì 22 maggio 1873 a Milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Umorismo.

Scritta da: Silvana Stremiz

Il Natale

Qual masso che dal vertice
Di lunga erta montana,
Abbandonato all'impeto
Di rumorosa frana,
Per lo scheggiato calle
Precipitando a valle,
Batte sul fondo e sta;
Là dove cadde, immobile
Giace in sua lenta mole;
Né, per mutar di secoli,
Fia che riveda il sole
Della sua cima antica,
Se una virtude amica
In alto nol trarrà:
Tal si giaceva il misero
Figliol del fallo primo,
Dal dì che un'ineffabile
Ira promessa all'imo
D'ogni malor gravollo,
Donde il superbo collo
Più non potea levar.
Qual mai tra i nati all'odio
Quale era mai persona
Che al Santo inaccessibile
Potesse dir: perdona?
Far novo patto eterno?
Al vincitore inferno
La preda sua strappar?
Ecco ci è nato un Pargolo,
Ci fu largito un Figlio:
Le avverse forze tremano
Al mover del suo ciglio:
All'uom la mano Ei porge,
Che si ravviva, e sorge
Oltre l'antico onor.
Dalle magioni eteree
Sporga una fonte, e scende
E nel borron dè triboli
Vivida si distende:
Stillano mele i tronchi;
Dove copriano i bronchi,
Ivi germoglia il fior.
O Figlio, o Tu cui genera
L'Eterno, eterno seco;
Qual ti può dir dè secoli:
Tu cominciasti meco?
Tu sei: del vasto empiro
Non ti comprende il giro:
La tua parola il fè.
E Tu degnasti assumere
Questa creata argilla?
Qual merto suo, qual grazia
A tanto onor sortilla?
Se in suo consiglio ascoso
Vince il perdon, pietoso
Immensamente Egli è.
Oggi Egli è nato: ad Efrata,
Vaticinato ostello,
Ascese un'alma Vergine,
La gloria d'Israello,
Grave di tal portato:
Da cui promise è nato,
Donde era atteso uscì.
La mira Madre in poveri.
Panni il Figliol compose,
E nell'umil presepio
Soavemente il pose;
E l'adorò: beata!
Innanzi al Dio prostrata
Che il puro sen le aprì.
L'Angel del cielo, agli uomini
Nunzio di tanta sorte,
Non dè potenti volgesi
Alle vegliate porte;
Ma tra i pastor devoti,
Al duro mondo ignoti,
Subito in luce appar.
E intorno a lui per l'ampia
Notte calati a stuolo,
Mille celesti strinsero
Il fiammeggiante volo;
E accesi in dolce zelo,
Come si canta in cielo,
A Dio gloria cantar.
L'allegro inno seguirono,
Tornando al firmamento:
Tra le varcate nuvole
Allontanossi, e lento
Il suon sacrato ascese,
Fin che più nulla intese
La compagnia fedel.
Senza indugiar, cercarono
L'albergo poveretto
Què fortunati, e videro,
Siccome a lor fu detto,
Videro in panni avvolto,
In un presepe accolto,
Vagire il Re del Ciel.
Dormi, o Fanciul; non piangere;
Dormi, o Fanciul celeste:
Sovra il tuo capo stridere
Non osin le tempeste,
Use sull'empia terra,
Come cavalli in guerra,
Correr davanti a Te.
Dormi, o Celeste: i popoli
Chi nato sia non sanno;
Ma il dì verrà che nobile
Retaggio tuo saranno;
Che in quell'umil riposo,
Che nella polve ascoso,
Conosceranno il Re.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Il Cinque Maggio

    Ei fu. Siccome immobile,
    dato il mortal sospiro,
    stette la spoglia immemore
    orba di tanto spiro,
    così percossa, attonita
    la terra al nunzio sta,
    muta pensando all'ultima
    ora dell'uom fatale;
    né sa quando una simile
    orma di piè mortale
    la sua cruenta polvere
    a calpestar verrà.
    Lui folgorante in solio
    vide il mio genio e tacque;
    quando, con vece assidua,
    cadde, risorse e giacque,
    di mille voci al sònito
    mista la sua non ha:
    vergin di servo encomio
    e di codardo oltraggio,
    sorge or commosso al sùbito
    sparir di tanto raggio;
    e scioglie all'urna un cantico
    che forse non morrà.
    Dall'Alpi alle Piramidi,
    dal Manzanarre al Reno,
    di quel securo il fulmine
    tenea dietro al baleno;
    scoppiò da Scilla al Tanai,
    dall'uno all'altro mar.
    Fu vera gloria? Ai posteri
    l'ardua sentenza: nui
    chiniam la fronte al Massimo
    Fattor, che volle in lui
    del creator suo spirito
    più vasta orma stampar.
    La procellosa e trepida
    gioia d'un gran disegno,
    l'ansia d'un cor che indocile
    serve, pensando al regno;
    e il giunge, e tiene un premio
    ch'era follia sperar;
    tutto ei provò: la gloria
    maggior dopo il periglio,
    la fuga e la vittoria,
    la reggia e il tristo esiglio;
    due volte nella polvere,
    due volte sull'altar.
    Ei si nomò: due secoli,
    l'un contro l'altro armato,
    sommessi a lui si volsero,
    come aspettando il fato;
    ei fè silenzio, ed arbitro
    s'assise in mezzo a lor.
    E sparve, e i dì nell'ozio
    chiuse in sì breve sponda,
    segno d'immensa invidia
    e di pietà profonda,
    d'inestinguibil odio
    e d'indomato amor.
    Come sul capo al naufrago
    l'onda s'avvolve e pesa,
    l'onda su cui del misero,
    alta pur dianzi e tesa,
    scorrea la vista a scernere
    prode remote invan;
    tal su quell'alma il cumulo
    delle memorie scese.
    Oh quante volte ai posteri
    narrar se stesso imprese,
    e sull'eterne pagine
    cadde la stanca man!
    Oh quante volte, al tacito
    morir d'un giorno inerte,
    chinati i rai fulminei,
    le braccia al sen conserte,
    stette, e dei dì che furono
    l'assalse il sovvenir!
    E ripensò le mobili
    tende, e i percossi valli,
    e il lampo dè manipoli,
    e l'onda dei cavalli,
    e il concitato imperio
    e il celere ubbidir.
    Ahi! Forse a tanto strazio
    cadde lo spirto anelo,
    e disperò; ma valida
    venne una man dal cielo,
    e in più spirabil aere
    pietosa il trasportò;
    e l'avviò, pei floridi
    sentier della speranza,
    ai campi eterni, al premio
    che i desideri avanza,
    dov'è silenzio e tenebre
    la gloria che passò.
    Bella Immortal! Benefica
    Fede ai trionfi avvezza!
    Scrivi ancor questo, allegrati;
    ché più superba altezza
    al disonor del Gòlgota
    giammai non si chinò.
    Tu dalle stanche ceneri
    sperdi ogni ria parola:
    il Dio che atterra e suscita,
    che affanna e che consola,
    sulla deserta coltrice
    accanto a lui posò.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Il Natale del 1833

      Sì che Tu sei terribile!
      Sì che in quei lini ascoso,
      In braccio a quella Vergine,
      Sovra quel sen pietoso,
      Come da sopra i turbini
      Regni, o Fanciul severo!
      E fato il tuo pensiero,
      È legge il tuo vagir.

      Vedi le nostre lagrime,
      Intendi i nostri gridi;
      Il voler nostro interroghi,
      E a tuo voler decidi.
      Mentre a stornar la folgore
      Trepido il prego ascende
      Sorda la folgor scende
      Dove tu vuoi ferir.

      Ma tu pur nasci a piangere,
      Ma da quel cor ferito
      Sorgerà pure un gemito,
      Un prego inesaudito:
      E questa tua fra gli uomini
      Unicamente amata,
      Nel guardo tuo beata,
      Ebra del tuo respir,

      Vezzi or ti fa; ti supplica
      Suo pargolo, suo Dio,
      Ti stringe al cor, che attonito
      Va ripetendo: è mio!
      Un dì con altro palpito,
      Un dì con altra fronte,
      Ti seguirà sul monte.
      E ti vedrà morir.

      Onnipotente….
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz
        Fœura de porta Ludoviga on mia,
        Su la sinistra, in tra duu fontanin
        E in tra dò fil de piant che ghe fa ombria,
        El gh'è on sentirolin
        Solitari, patetegh, deliziôs
        Che 'l se perd a zicch zacch dent per i praa,
        E ch'el par giusta faa
        Per i malinconij d'on penserôs.

        Là inscì, via del piss piss
        D'on quaj sbilz d'acqua, che sbottiss di us'ciœu,
        Via d'on quaj gorgheg d'on rosignœu,
        O de quaj vers lontan lontan lontan
        D'on manzett, o d'on can,
        No se ghe sent on ett
        Che rompa la quiett.

        Tuttcoss, là inscì, l'aiutta la passion,
        Ne s'à nanch faa duu pass
        Tra quij acqu, tra quij piant, tra quell'ombria,
        Che se sent a quattass d'on cert magon,
        Se sent a trasportass
        D'ona certa èstes de malinconia,
        Che sgonfia i œucc senza savè el perché,
        E sforza a piang, d'on piang che fa piasè.

        Appont in de sto stat de scoldament
        Seva jer sol solett in sta stradella.
        Gh'aveva el Tass sott sella
        E i sœu disgrazi in ment:
        Quand tutt'on tratt dove pù scur e fosch
        E pù suturno per el folt di ramm
        Fan i arbor on bosch,
        Me senti a succudì
        Da on streppet improvvis in di fojamm;
        Me se scuriss el dì,
        Me traballa la terra sott i pee,
        Starluscia, donda i piant, scolti on lument
        Sord sord, tegnù tegnù, come d'on vent
        Che brontolla s'cincaa tra i filidur,
        Come el lument di mort e di pagur.

        E vedi a spôntà sù, Gesus Maria!,
        Tra i rover e i fojasc
        Longa longa on ombria
        Che me varda e me slonga incontra i brasc.
        Foo per scappà... foo per sgarì... no poss...
        Me se instecchiss i pee, voo in convulsion,
        E el pocch fiaa di polmon
        El rantéga, el se perd dent per el goss.

        I pols, i laver, i palper, i dent,
        I mascell, i naris
        Solten, batten, hin tucc in moviment;
        Già brancolli... già svegni... borli giò.
        E in quella che bicocchi, on ton de vôs
        Affabel e pietôs
        El me rinfranca con premura, e el dis:
        — Spiret, Carlin! te me cognosset no?
        Vardem... cognossem... sont on galantomm. -
        Sbaratti i œucc... i fissi in quell'ombria,
        E no l'è pù on'ombria, ma l'è on bell'omm
        D'oss, de carna, de pell,
        Che me varda in d'on att de cortesia,
        E el sporg el volt vers mì
        Come sarant a dì... — E inscì mo adess
        Son quell o no sont quell? parla, di su. -

        L'eva volt, compless, ben fa de la personna,
        Magher puttost che grass,
        L'ha el front quadraa, spaziôs;
        Arcaa, distint i zij;
        Barba, baffi, cavij
        Tacaa insemm, folt e bisc, tra el scur e el biond:
        Œucc viv, celest, redond,
        Sguard poetich, penserôs,
        Pell bianca, nâs grandott, laver suttil,
        Bocca larga; dò fil
        De dent piccol e spess, candidi, inguai,
        Barbozz sporgent in fœura;
        Manegh, corpett, goriglia alla spagnœura...
        — Dio! chi vedi mì... saravel mai,
        Saravel mai — dighi tremant — el Tass?... -
        E lù cerôs, fasent i dò foppell
        In mezz ai dò ganass
        — Sì — el me respond — sont quell, sont propi quell!

        A sto gran nomm, me butti genoggion
        Per adorall de cœur, per ringraziall
        De tanta degnazion...
        — Lù — sclammi — on poetton de quella sort,
        L'onor di Italian,
        Tœuss st'incommed per mì, lassà i sœu mort
        Per vegnì chi in personna
        A parlà cont on tangher de Milan?...
        Ma in dov'ela, sur Tass, quella coronna,
        Che ghe stava inscì ben su quella front? -
        — Ah! Carlo — el me respond,
        Tirand su dai polmon
        On sospiron patetegh e profond -
        Ah! Carlo, la coronna strapazzada
        No la ghè pù per mi... che on tal Manzon,
        On tal Ermes Viscont
        Me l'han tolta del coo, me l'han strasciada.
        Vota la poesia: Commenta