Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Lei è mia

Lei è mia
Anche se non sono nata in questa terra,
lei è mia.
Anche se sono nata in terra straniera,
questa terra è mia.
Ho respirato la terra straniera,
nei miei primi anni di vita ho parlato la lingua straniera,
ho condiviso i primi giochi nella terra straniera,
ho gioito in terra straniera.
Poi un giorno ho preso il treno,
tutto quello che credevo mio,
la mia casa,
la mia amica d'infanzia,
le montagne, il fiume, la neve,
scomparivano piano piano,
mentre calde lacrime scendevano sul mio viso.
Un lungo viaggio per arrivare nella terra mia.
Terra mia, calda, assolata, ricca di sorrisi, di un mare cristallino,
ricca di affetti, di alberi fioriti, lei è mia.
In questo meraviglioso cielo un uccellino cinguetta,
la mia terra Barletta.
Ada Roggio
Composta giovedì 12 febbraio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio
    Auguri a te,
    auguri a me,
    auguri a noi,
    auguri a tutti voi.
    A questa festa mondiale
    s'innalza l'amore,
    non c'è razza,
    non ha colore,
    non ha frontiere,
    non ha barriere,
    non ha confine.
    Il vero amore non ha mai fine.
    Conserva al primo posto
    il regalo più bello: digli ti amo,
    festeggeranno anche le stelle
    un suono soave del violino,
    Buon San Valentino.
    Ada Roggio
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Ordine disordine

      Nel disordine c'è il mio ordine.
      Nel tuo ordine c'è il vuoto.
      Nel mio disordine c'è un mondo ricco di sorprese.
      Nel tuo ordine c'è silenzio.
      Inutile dirmi:
      Se tu fossi più attenta, meno distratta
      per me sarebbe più facile trovare ciò che voglio.
      Se tu fossi più attenta, meno sognatrice
      per me sarebbe più facile parlarti.
      Se tu fossi più attenta, meno ironica
      riuscirei a non alzare la voce.
      Se, se, se, tutti questi se non servono a niente,
      chi comanda è la mente.
      Ognuno di noi prenda le proprie responsabilità,
      e la vita vedrai sarà una piacevole passeggiata.
      Chiudi un po' gli occhi e guarda il bicchiere mezzo vuoto,
      la lunga passeggiata della vita ci aspetta.
      Accetta e sorridimi per sempre.
      Ada Roggio
      Composta giovedì 29 gennaio 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di