Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Odi et amo. quare id faciam, fortasse requiris..." di Gaio Valerio Catullo


14
postato da , il
ti oido e ti amo.
forse ti chiederai per quale motivo accada.
non lo so ma è così;
lo sento et excucior (che vuol dire "crocifiggere" la più terribile delle torture romane..quindi sarebbe "mi sento come se fossi crocifisso")
13
postato da , il
una cosa stupenda e semplicemente magnifica concordo con lev^^
12
postato da , il
bella, ma la traduzione é sbagliata
11
postato da , il
magnifica!!!
10
postato da , il
è bellissima questa poesiaaa! Semplice e concisa! Bella bella bella!!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti