Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Il destino non esiste. È solo un nome..." di Alec Endorphins


38
postato da , il
x Giulio replico Vincenzo: I miei migliori auguri , amico. ;)
37
postato da , il
Bene cari amici, spero che non siate Voi a farmela tagliare ... Preferirei mantenerla sul collo e continuare a filosofeggiare con VOI ... e soprattutto a vivere la vita con tutti i suoi problemi e tutte le sue bellezze!!!
36
postato da , il
Vincenzo, anche io sono pessimista nello scoprire la causa, però ribadisco che le cause ci sono e non possiamo ricondurle al destino o caso ... che poi mi sembrano quasi essere concetti sovrapponibili.

Io da persona razionale mi limito a dire che non credo al destino e che le cose che succedono hanno cause, che poi sia utile o inutile indagarle è un altro discorso.

Io so che esisto io, tu, gli amici, le donne, le birre e la vita e voglio usufruirne. Non certo perderei ogni secondo ad indagare le "casualità", me le tengo come tali pur sapendo che non lo sono. Se "casualmente" mi capita a tiro una bella donna, o una bella serata con gli amici non mi metto certo a cercarne la cause ... Faccio quello che mi va di fare ...
35
postato da , il
Esatto Giuseppe hai perfettamente capito la mia 3a ipotesi. Non c'è ne caso, nè destino!!!

E' tutto determinabile. Se noi fossimo in grado di analizzare il tutto potremmo sapere dall'inizio dell'Universo fino ad oggi cosa è successo e calcolare cosa succederà nel futuro ... Ma ci sono un pò troppe variabili, le combinazioni sono un numero incommensurabile, paragonabile ad infinito e noi, per forza di cose, dobbiamo accontentarci di vederle accadere senza poterle prevedere ...

Questo è !!!
34
postato da , il
Stiamo parlando di esistenza della casualità (come caos) o del destino. Non di cosa possa significare casuale. Secondo me, la mira di questo discorso deve avere un accezione filosofica (o scientifica). I termini non possono più essere usati come nel linguaggio comune, pena il non comprendersi.

E' ovvio che per chi riceve un meteorite sul cranio non sia cosa piacevole e che venga ritenuto fatalità. Però l'evento di per se stesso non può essere definito casuale. Se prima di uscire di casa il tizio fosse stato in grado di tracciare la traiettoria del meteorite osservandolo con un telescopio non sarebbe andato a prenderselo sulla testa.

Ovviamente nessuno di noi si sogna di perder tempo a verificare se un meteorite andrà a cadere dove stiamo passando, ma il fatto che il meteorite cada proprio lì non è nè predistenato, nè casuale!!!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti