Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Michelangelo (Milo) Da Pisa
Lo sguardo in apnea dinanzi alla solennità del mare, i sensi si prostrano al cospetto del prodigio solare, un nobile libeccio sussurra le mie origini. Immobile, mi nutro di meraviglia e mai son sazio. Orme fievoli ma fiere sulla riva, con l'animo nomade alla deriva.
Composta venerdì 25 aprile 2014
Vota la frase: Commenta