Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marianna Mansueto
L'odio per quell'uomo mi arde nel petto come un fuoco divampante, sì, perfino ora che è morto.
Dio sa se non avrei impedito il duello, se appena ne avessi avuto il coraggio. La mia vergogna è di non averlo fatto. Ma quando lo vidi cadere, se avessi potuto aver la mente ad altro che alla pietà per il mio padrone, avrei esultato, a quella liberazione.
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Marianna Mansueto
    È straordinario, come un pensiero, anche segreto, trapeli sempre. È straordinario per me, se ci ripenso, come ognuno di noi poteva seguire la corrente dei suoi sentimenti e capire, sebbene ella fosse tranquilla, e di umore uniforme, quando la sua fantasia correva a Parigi.
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Marianna Mansueto
      Credo proprio che nelle donne alberghi lo spirito del diavolo. Tutti gli anni trascorsi, nessuna occasione di rivederlo, ben poche gentilezze da ricordare (a detta di tutti) anche nel periodo in cui gli era promessa, la sopravvenuta notizia della sua morte, la sua crudele rapacità messa a nudo... Tutto questo a nulla era servito; ella serbava ancora la parte migliore del suo cuore per quel maledetto.
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Marianna Mansueto
        Lei lo teneva a distanza, dimenticandosi di lui e quindi ricordandosene e richiamandolo a sé come si fa con un bambino. Lo sopportava con fredda cortesia; gli faceva sentire la sua disapprovazione, cambiando colore o stringendo le labbra, come uno che si vergogni della sua disgrazia; lo richiamava all'ordine con un'occhiata, quand'era presa alla sprovvista, sollecitando le più naturali attenzioni come fossero favori insperati, quando si sorvegliava. E a tutto questo egli rispondeva con inalterabile galanteria, amando, come dice il popolo, persino la terra ch'ella calpestava e portando quell'amore negli occhi lucente come una lampada.
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: Andrea Manfrè
          Il cavaliere Trelawney, il dottor Livesey ed altri compagni d'avventura mi hanno sollecitato a scrivere da capo a fondo la storia dell'Isola del Tesoro, tacendone solo la posizione geografica perché laggiù è ancora nascosta una fortuna. E così, nell'anno di grazia 17... do inizio a questa mia fatica e torno indietro nel tempo, quando mio padre era proprietario della locanda "Ammiraglio Benbow" e un giorno un vecchio lupo di mare venne ad abitare da noi.
          Vota la frase: Commenta