Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Elisa M.
Anni e anni dopo la guerra, dopo i matrimoni, i figli, i divorzi, i libri, era venuto a Parigi con la moglie.
Le aveva telefonato. Sono io. Lei l'aveva riconosciuto dalla voce. Le aveva detto: volevo solo sentire la tua voce. Lei aveva detto: ciao, sono io.
Era intimidito, aveva paura come prima, la voce improvvisamente gli tremava e in quel tremito, improvvisamente, lei aveva ritrovato l'accento cinese.
Lui sapeva che lei aveva cominciato a scrivere libri, l'aveva saputo dalla madre incontrata a Saigon. Sapeva anche del fratello piccolo, disse che ne aveva sofferto pensando a lei.
E poi sembrava che non avesse altro da dire. Ma poi glielo aveva detto.
Le aveva detto che era come prima, che l'amava ancora, che non avrebbe potuto mai smettere d'amarla, che l'avrebbe amata fino alla morte.
dal libro "L'amante" di Marguerite Duras
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Elisa M.
    Anche lei, quando la nave aveva lanciato il primo addio, quando era stata tolta la passerella e i rimorchiatori avevano cominciato a trainarla, ad allontanarla dalla terra, aveva pianto.
    Lo aveva fatto nascondendo le lacrime, perché lui era cinese e non si doveva piangere quel genere di amanti, nascondendo alla madre e al fratellino il suo dolore, senza lasciar trasparire niente, come erano abituati a fare tra di loro.
    La grossa automobile era lì, lunga e nera, con l'autista vestito di bianco al volante. Era un po' in disparte dal parcheggio delle Messaggerie Marittime, isolata.
    L'aveva riconosciuta da questo.
    Era lui sul sedile posteriore, quella forma appena visibile, immobile, abbattuta. Lei stava appoggiata al parapetto.
    Come sul traghetto, la prima volta, sapeva che la stava guardando. Anche lei lo guardava, non lo vedeva più ma continuava a guardare verso la forma dell'automobile nera.
    E poi alla fine non l'aveva più vista. Era sparito il porto e poi la terra.
    dal libro "L'amante" di Marguerite Duras
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Elisa M.
      L'amore insensato che provo per lui rimane per me un insondabile mistero.
      Non so perché lo amassi al punto di voler morire della sua morte.
      Ero lontana da lui da dieci anni quando è successo e pensavo a lui solo di rado.
      Come se lo amassi per sempre e niente di nuovo potesse succedere a questo amore.
      Avevo dimenticato la morte.
      dal libro "L'amante" di Marguerite Duras
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Elisa M.
        Muore in un giorno tetro. Credo fosse in primavera, in aprile.
        Mi chiamano al telefono. Mi dicono solo che è stato trovato morto, per terra, nella sua camera.
        Ma la morte per lui era arrivata in anticipo, molto prima che la sua storia finisse. Era già successo mentre era in vita, ormai era troppo tardi perché potesse morire, era morto quando era morto il fratello minore.
        Era soggiaciuto a due parole: consummatum est.
        Mia madre aveva chiesto che quel figlio fosse sepolto accanto a lei. Non so più dove, in un cimitero nella regione della Loira.
        Sono tutti e due nella stessa tomba. Loro due soli. È giusto che sia così.
        È un'immagine splendida e intollerabile.
        dal libro "L'amante" di Marguerite Duras
        Vota la frase: Commenta