Scritta da: Marco SALSTyle

odio

perché dovrei fingere ogni giorno di voler bene a tutti, perché non posso invidiare la tua felicità, perché la tua fortuna è immeritata. non capisco la vita o chi la guida ci promette una sana felicità quando qui abbiamo solo un malato senso di malinconia, di nervosismo, di paura. paura di quello che avverrà, paura del domani, paura dell'angoscia; angoscia che nasce dal dentro per venir fuori in un secondo, angoscia per quello che non hai e che invece non potrai averlo. chi se ne importa del tuo giudizio, mi stai facendo questo e per te porterò odio; la rabbia è l'unica via di uscita per ora...
Composta mercoledì 23 gennaio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di