Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Alfonso Chiaromonte

La pace dei cuori

Gli alberi non vogliono turbare il contatto,
la serata fredda, pungente
per nulla scalfisce il calore dei corpi.
Il vento, in un tacito sacro silenzio,
zittisce.
Lo stormire delle foglie cessa,
si sente solo il passo,
lento, cadenzato,
in cerca di un nido.
I due cuori si amano
nella notte silenziosa.
Che pace!
Torna il senso d'amore.
I contatti assopiti si svegliano.
Un tuffo di baci, un ansare accorato...
È freddo intorno!
Il calore dei corpi l'annulla del tutto.
Un tonfo, un allarme!
Come mai si turba la pace
nel regno degli innamorati?
Non può cessare il contatto,
l'amore non teme pericoli.
Un pizzico di freddo riappare,
si cerca altrove un riparo.
Ritorna il caldo contatto
dei corpi abbracciati,
l'un dell'altro amore
coscienti.
Poi cessa.
Che freddo, è meglio tornare.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alfonso Chiaromonte

    Infiammati da un grande amore

    Il sole alto nel cielo risplende.
    All'ombra si parlano di un albero grande
    due cuori affamati d'amore e di sogni.
    La gente veloce continua a passare.
    Soli vi restan nell'ombra quei due,
    docili come agnellini che belano,
    candidi come colombe che tubano.
    Le labbra sfiorano le labbra
    come la fronte baciata
    da un raggio di sole.
    Quanti sogni! Quante speranze
    in quel bacio!
    La luce del sole raccoglie e suggella.
    Il sole alto nel cielo disteso,
    riporta i due cuori alla realtà.
    È l'ora, è tardi, bisogna tornare.
    Mano nella mano riprendono la via,
    guardano intorno, nessuno più gira.
    Un nuovo giorno è sorto per loro
    là sotto l'albero, all'ombra, tranquillo.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alfonso Chiaromonte

      L'immenso

      Dapprima il vuoto, il caos immenso,
      poi atomi d'acqua, d'aria e di terra
      e insieme di puro fuoco s'unirono.
      I germi di vita, il mondo ancor tenue
      nacquero tutti da questi principi.
      Il suolo indurito e dall'acqua diviso
      di verde si tinse, di belve coprissi.
      Il mondo stupì al sole recente.
      L'amore sbocciò da questo miscuglio,
      l'immenso sembrava di stretto dominio
      d'uomo e di donna usciti dal nulla.
      Grande, solenne, immenso nel cielo
      s'irradia ancor oggi l'amore di due,
      che supera tutti nel vuoto universo,
      quale vincitrice bandiera
      l'avvolge, li copre, li porta lontano,
      là, nell'immenso cielo sovrano.
      Regna la vita, dona l'amore
      a chi per l'amore si dona
      più dell'immenso, più della vita.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alfonso Chiaromonte

        Sogno

        Nuvole rosse
        si tingono ancora,
        perché lontano
        appare l'aurora.
        La gente dei campi
        presto si desta,
        lungi da lampi,
        senza bufera.
        riprende la vita
        di nuovo com'era.
        Rintronano i passi,
        riprende il lavoro,
        per pochi soltanto
        è cessato il ristoro.
        Tra questi scontenta
        discende dal letto
        la donna mia bella,
        che porta nel petto
        affanno e premura
        e lava ed asciuga
        con disinvoltura.
        La casa rinnova
        tra musiche varie
        e sola, lavora...
        Vota la poesia: Commenta