Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a I Pastori di Gabriele D'Annunzio


21
postato da , il
Chissà perché romori, tanto è uguale
20
postato da , il
Quanto mi piace questa poesia! !!!!!!!?
19
postato da , il
era un ruffiano del regime fascista e lui di pastori non sapeva nulla. era un populista ed ha saputo abilmente piegare la lingua italiana e la metrica a pensieri standard e molto facili. puah. andate a vedere dove viveva. Me le vedo le verghe d'avellano all'ingresso nel guardaroba. Ma va là
18
postato da , il
ogni volta che la rileggo è come se rivivessi una vita passata, respirassi l'aria tersa dei miei monti belli, calpestassi le zolle scure di quei nastri verdi adagiati sui versanti d'Appennino, scrutassi ancora all'orizzonte la linea azzurra del mare e la sagoma contorta del Gargano....E ringrazio Dio di avermi fatto molisano!
17
postato da , il
E` una poesia magica, che raccoglie tutto quello di bello e buono che e` dentro noi stessi.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti