Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Un amore che finisce non era amore. Perciò, se..." di Giuseppe Freda


11
postato da , il
Difficile da affrontare, difficile da giudicare e soprattutto difficile per chi rimane con la pigna in mano Giuseppe. Devo darti ragione per quanto riguarda la tua visione del dolore.. il dolore o ti annienta o ti migliora... solo questione di forza e di fortuna, e come dici solo chi ci è passato può solo minimamente capire quello che provi. *****
10
postato da , il
Grazie per l'apprezzamento e per le 5 stelle.
     Nel merito della problematica che hai affrontato, più volte ho potuto constatare che la fine di un amore è un po' come il gioco della canasta: chi "chiude" vince e rimane più o meno sereno, mentre l'altro rimane con le carte in mano e paga un grosso pegno di dolore.
     Ragion per cui molti, appena vedono la "mala parata" (fiutano cioè il sospetto di stare per essere lasciati), procurano di... giocare d'anticipo. Un gioco davvero crudele.
     Un piccolo consiglio per chi resta con le "pinelle" in mano... Tenta con ogni mezzo di capire: 1) che quello dell'altro/a non era amore (l'ho scritto nell'aforisma: parrà incredibile, ma è così); 2) che il tuo... se lo era, era ed è un patrimonio TUO, che un giorno, passata la delusione, potrai forse donare alla persona giusta. Ma SOPRA TUTTO evita di "entrare nella parte" dell'abbandonato/a: sappi valutare in ogni istante gli aspetti positivi che la ritrovata libertà ti offre, e goderteli uno ad uno.
    (Dopo di che, mi propongo come redattore del prossimo calendario di frate indovino).  : ((
9
postato da , il
Grazie, Armanda!!
Ma forse è meglio così...
Perché forse anche la seconda fase è un viaggio senza ritorno...  : ((
8
postato da , il
questa meritava di restare per la seconda fase ....  per me
7
postato da , il
Io sono profondamente convinto che la sofferenza sia una sorta di lima che smussa i nostri angoli e, prima o poi, ci induce a comprendere cose che prima non avremmo potuto capire. Del resto, è noto che, quando abbiamo un problema o un dolore, riesce di solito a comprenderci (e semmai anche ad aiutarci) solo chi attraverso quel problema o quel dolore c'è passato.
Cero, non sono prove facili. Spesso la sofferenza cristallizza, peggiora, talora conduce addirittura all'abiezione... Non è affatto scontato che tutto il male non venga per nuocere. Almeno nell'immediato.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti