Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "La mia è una laurea cum loden. Magari se l..." di Lucia Gaianigo


116
postato da , il
..-878

se commentiamo l'aforisma di Daniele
Lucia
arriva     a.... -0 e

VINCERAAAAAAAAAAA!
115
postato da , il
scheggia,
se non desideri ospitare nella tua pagina l'aforisma
lo cancello subito.
114
postato da , il
Ho qui a portata di mano  la Raccolta Come un granello di Sabbia
Edizioni P&P 2010

A pag. 54 Aforismi - Vita

"La cattiveria è la dote della materia animata".
                                                   autore D.C.

p.s. Pino,  fai attenzione
il D.C. non è Democrazia Crisiana
113
postato da , il
[Con la fretta non si arriva a delle conclusioni.]
Questo è certo! Le conclusioni affrettate sono spesso erronee.

[Le conclusioni sono la parte più effimera della ricerca o di quello che stiamo cercando di capire.]
Su questo non concordo molto, la ricerca serve per trarre delle conclusioni che siano il meno effimere possibile. Che poi il tempo ci dimostri che erano erronee non significa che esse siano effimere, significa che sono state conclusioni utili al chiarimento di qualcosa per un certo periodo. Certamente è meno effimera la consapevolezza che quelle conclusioni possono essere non definitive e che è la ricerca della conoscenza a darci la consapevolezza.

[Se vogliamo comprendere il linguaggio degl'altri, bisogna assumere che hanno ragione e chiedere diu aiutarci [...]
Concordo su questo punto. Anche se a volte è difficile vedere la ragione di qualcuno. Io, anche se a volte non sembra, cerco di capire la ragione degli altri e mi pongo in modalità ascolto per poi cercare una convergenza di pensiero .... però non è sem
112
postato da , il
Con la fretta non si arriva a delle conclusioni.
Le conclusioni sono la parte più effimera della ricerca
o di quello che stiamo cercando di capire.
Quello che vediamo o vogliono farci vedere o credere,
dipende dalle prospettive in cui ci troviamo.
Per riuscire a vedere le nostre prospettive,
dobbiamo cambiare prospettive.
Se vogliamo comprendere il linguaggio degl'altri,
bisogna assumere che hanno ragione e chiedere
di aiutarci a capire come e perché.
Per fare questo,
bisogna adottare una metologia umoristica.
Quando abbiamo imparato a capire e ascoltare,
l'umorismo viene da sè.
Tutto si impara, basta esercitarsi.

Un caro saluto a Scheggia che ci ospita e ci permette
d'imbrattare il suo spazio e a te Flavia.

Ciao Sir Black

P.S. CHI È SENZA PECCATO
SCAGLI LA PRIMA PIETRA
Io ho peccato e pecco ancora!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti