Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi inserite da O. Radovicka

Questo utente ha inserito contributi anche in Poesie, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: O. Radovicka
Fu la mia città per prima che mi abbandonai. Oggi, le case sono, lì. Respirarne su di me l'odoroso. Qualche passo avanti e mi fermo. Chi si ricorda di me? Nessuno! Questa cosa mi fa ondolare d'ironia. Una striscia rovente sulla fronte. Una piccola promemoria di se stessa, che fa tremare nella coscienza, l'estremità di dissolvenza. Emigranti gli assomigliano alle rondine, nessuno non si dimentica della loro terra.
Composta mercoledì 30 gennaio 2013
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: O. Radovicka
    Trovo la tristezza uno degli stati d'animo più sconfortanti che possiamo provare. La tristezza è una ragnatela abbandonata in cui muoiono resti di speranze. I giorni dell'abbandono sono sempre uguali, monotoni, granelli di una clessidra rimasti sospesi nel vuoto; in quei giorni nulla fa la differenza, e non riesci a comprendere perché la vita comunque continua.
    Composta domenica 18 settembre 2011
    Vota la frase: Commenta