Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi inserite da Monica Cannatella

Questo utente ha inserito contributi anche in Poesie, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Monica Cannatella
Ogni giorno, ogni singolo giorno della mia vita mi sono sentita dire "tu non capisci" io non capisco? La cosa più assurda che mi si poteva dire, non ho fatto altro tutta la vita! Da quando esisto ho cercato di comprendere i perché di ogni persona che mi ritrovavo accanto, i momenti no, le paure, le insicurezze, la rabbia, la loro stupida e ripetuta nevrosi a volte per cose inesistenti. Io non ho fatto altro, capire, adesso ho capito davvero cosa c'era da capire. Che la gente vuole comprensione ma non ne dà, vuole rispetto ma non riesce a rispettare, vuole amore ma non riesce a darne, vuole speranze ma lascia che le tue muoiano. Viviamo in un mondo dove ognuno prende per se ciò che serve e lascia gli altri a mani vuote, in un mondo dove gli inganni e la malvagità fanno da padroni, un grande, stupido, troppo complicato mondo di merda.
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Monica Cannatella
    Se vuoi bene a qualcuno diglielo adesso, diglielo prima che sia troppo tardi, prima che il tempo cambi tutto, prima che quel qualcuno ti dimentichi. Non esiste il tempo, non pensare sempre che ne hai tanto e quindi le occasioni non ti mancheranno, se poi quel tempo venisse a mancare e tu non lo avessi ancora fatto, ti rimarrebbe solo il rimpianto di aver aspettato troppo e di esserti perso milioni di occasioni per dirle che le vuoi bene.
    Composta sabato 22 dicembre 2012
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Monica Cannatella
      Una volta avevo un sogno, non ricordo quanto tempo sia passato da ché l'ho lasciato li, chiuso dentro un cassetto ad aspettare che io me ne ricordassi, che come una volta io credessi in lui. Rincorriamo i sogni per cosi tanto tempo, e poi? Alla fine, quando ci sembra che siano diventati irraggiungibili ci rinunciamo con tale facilità da non ricordare neppure il motivo per cui avevamo cominciato a credere che quel sogno potevamo farlo nostro.
      Vota la frase: Commenta