Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Nella vita ci si allontana in continuazione..." di Francesco Andrea Becca


7
postato da , il
Sono assolutamente d'accordo con Daniela e Nadia e Fabrizio e tutti quelli che scrivono a te.
Apri gli occhi Francesco Andrea, il tuo cuore già lo ha fatto, e fatti sentire di più
6
postato da , il
Sei davvero bravissimo e non credo di sbagliare a dirti che sei il migliore autore di questo sito.
Siamo in tanti ad aspettare un tuo libro
5
postato da , il
HO letto anche io questa recensione e la trovo  meravigliosa.
Che mito davvero che sei
4
postato da , il
Francesco ho appena letto la tua recensione per Silvana. E la trovo stupenda. Se il libro trasmette solo la metà di quello che hai descritto nella recensione deve essere un libro fantastico.
3
postato da , il
Ho trovato una recensione scritta da Becca.
Recensione  DI :  Francesco Andrea Becca . “ Un Tempo chiamato Vita.”    di Silvana Stremiz

Quando leggo un libro cerco sempre di isolarmi in quel mondo che i bambini chiamano “vorrei” e noi uomini chiamiamo “fantasia”. La fantasia aiuta a vivere un libro, a capirne i silenzi e quello che le parole a volte non riescono a  descriverci  perché  non possono loro stesse conoscere la nostra intimità.


Ecco, questo mi ha trasmesso la lettura di questo libro di Silvana Stremiz; il riconoscermi tra le sue pagine. Il riconoscere un tempo che trascorrendo traccia  il disegno anche della mia vita. E’ come ascoltare un saggio parente, un familiare che racconta di se  e del mondo che  vive,  che descrive  lo scorrere  delle emozioni  in quella grande famiglia. Che è la nostra famiglia.


E si provano tutte le  sensazioni dell’anima,  le  emozioni o i misteri delle storie narrate.


E ascolto sorridenti  nonni dispensare consigli e saggezza,  vedo la luce dei sogni negli occhi delle ragazze innamorate, sento il profumo del mare che si apre, immenso, agli occhi dei bambini.


E sento la pena  perenne del non trovare,  sento il dolore  pungente di una delusione e la sofferenza  latente per il  perduto.  E sento chi trascina il rimpianto nel cuore, chi ha avuto paura  e chi  ha trovato il coraggio dentro di essa.


La speranza nell’abbraccio di un figlio. Ci sono cose che tutti ci portiamo nell’anima e non ricordiamo di averle in noi. E tante volte chiudiamo il cuore davanti  alle domande e  viviamo avvolti nella nebbia.


Poi un giorno ci fermiamo a leggere un libro e ci ritroviamo a essere stelle.
E splendiamo alte e visibili perché qualcuno ci ha regalato un cielo nascosto fra le pagine di un libro.

Un libro che racconta anche il nostro tempo. "Un tempo chiamato vita."

Francesco Andrea Becca





Autorizzo Silvana Stremiz  alla pubblicazione di questo scritto nei modi e nei termini che riterrà più opportuni

Che mito Francesco!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti