Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Molti pensano che per capire chi siamo, perché..." di Francesca Zangrandi


4
postato da , il
è valida per me e per i miei figli se avranno lo stesso periodo mio ma ovvio non è generale nulla lo è.
Lei ha centrato il punto lei pensa molto, ma a volte si ferma a guardare un albero, ecco la semplicita di cui parlo, lei lo fa naturalmente perchè ha questo grande dono ma io non riesco a staccare da quello che è dentro di me a quello che vi è fuori.Faccio fatica a difendere la mia fragilità.Vivo di attacchi di panico, attacchi che vogliono ricordarmi che esiste un corpo non solo la mente e che esso vuole divertirsi e non pensare. Almeno per ora, finchè non troverò un equilibrio.Io devo ammetterlo, spesso per me studiare è dura, perchè non so come spiegarlo ma entro troppo dentro a quello che leggo,Ma a me piace studiare, mi piace conoscere sono curiosa quindi per equilibrare i miei bisogni e i miei desideri per ora devo studiare e poi subito uscire col cane andare a giocare a calcio a biliardo ecc, cose semplici, quotidiane che io ho fatto fatica a fare.Lei ha un gran equilibrio mentale, io non ancora questa è la differenza
3
postato da , il
Quanto è diversa la semplicità di chi più sa da quella di chi non sa ... !
2
postato da , il
cataldo secondo me dipende da che semplicità.LA semplicità non ignoranza..Io credo che una persona che eccede nella profondità nei pensieri complessi poi abbia bisogno di cose semplici chi eccede dall'altro lato ha bisogno di cose complesse è un equilibrio. Ma in ogni caso la mente è ignorante, mai il cuore quindi la semplicità intesa cone seguire il cuore i proprio bisogno, lo stomaco non ha a che fare con la semplicità mentale.Questa è la mia salvezza...grazie a entrambi
1
postato da , il
mi piace ... sostituire il cuore con la mente a volte e dico a volte è la soluzione !!!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti