Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Viene Natale di Sir Jo (Sergio Formiggini)


7
postato da , il
Grazie Mare. Mi fa piacere il tuo apprezzamento!

Ciao!
6
postato da , il
Grazie! Il Natale era comunque una festa pagana ... già i Romani festeggiavano questo giorno e probabilmente con l'avvento del cristianesimo v'è stata sovrapposta la festa della Natività.

Io come mille volte ho detto non credo in nessuna religione. E non credo in niente che non abbia una solida radice razionale. Ma questo in ciò non rientra.

Vedo il Natale come una festa di comunione umana, ma sento che questa è falsa. Che non esiste tutto quì. Più di una volta ho fatto il "torto" ad amici e parenti di festeggiare il Natale da solo a pensare ai fatti miei!
5
postato da , il
Sergio, lo scritto suona bene, è bello, non c'è nulla da dire se non condividere appieno il senso di profonda tristezza per questo rito ormai pagano che sempre più ammorba la vita di chi è solo (perché gli fa sentire di più la sua solitudine) e di chi solo non è (perché si tratta di rito che comporta i suoi sacrifici, sia quanto a esborsi economici, sia quanto alla necessità di sorridere quando semmai ci sarebbe voglia non dico di piangere, ma semmai di starsene in pantofole per i cavoli propri a leggere o guardare la TV).
Il Natale può avere un senso solo per il credente; ma...
per il credente ogni giorno è Natale, come ogni giorno è Venerdì santo e Pasqua.
   E ci sarebbe un lungo discorso da fare al riguardo. Lo accenno soltanto, e lo riprenderò solo se qualcuno vi sia realmente interessato.
   E l'accenno è questo: qual è il significato delle feste religiose, delle messe domenicali, dei battesimi, confessioni e comunioni, qual è il significato della stessa Chiesa, se poi constatiamo nel 99% dei cosiddetti credenti il perpetuarsi di mere forme, accompagnate da una sostanziale tiepidezza se non da una inquietante indifferenza, o addirittura, nei preti, ANCHE da diffusa attitudine a forme di vile delinquenza come la pedofilia?
    E... cosa ne penserebbe Cristo, se tornasse, di questa situazione? Andrebbe a cercare i "suoi" tra costoro???
    Che l'ateismo, unitamente al dilagare della spiritualità orientale o comunque "individuale", non sia altro che la risposta dei MIGLIORI di noi, cioè di quelli più spirituali, a questo stato di cose?
   
     Sergio, volevi un commento, e lo hai avuto: una bella "lingua di cane" di commento, lunga quanto la fame, tutta per te....   : ))))))))))))
4
postato da , il
E vero care Miriam e Sagea, sin da bimbo ho sempre sentito finto tutto quel patinato, ci ho sempre sentito qualcosa d'innaturale. Oggi so che è "naturale", si chiama ipocrisia.

Tutti quegli abbracci, quei sorrisi melliflui, tutto quel volersi bene che se dura finisce il 7 gennaio ...
3
postato da , il
Non so a voi, ma a me il Natale mette una tristezza infinita...e sir Jo l'ha condensata tutta nella sua poesia...

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti