Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Una vita non basta per essere felici, per..." di Anna Rita Rossi


22
postato da , il
E lei era quella che amava Carmelo Bene?

farneticare?...  lei mi offende.. è come dire che ciò che le ho appena espresso non ha nessun senso...  ma come potrebbe essere  diversamente dato che leggo concetti pieni di ovvietà e scontatezza?.

Sai qual'è la differenza fra e lei signorina?
è che io per essere compreso devo parla con pochi.. lei invece può parlare tranquillamente con "tutti"...
ma non me ne voglia... se non la invidio affatto,



Addio
21
postato da , il
Annarita, da lei attendo un discorso, che non abbia come significato principale: frasi fatte e luoghi comuni.
20
postato da , il
Le parole quando scorrono una dietro l'altra formano una frase, si presume
di senso compiuto. Quando questo non avviene si chiama farneticare
e non si può pretendere che gli interlocutori comprendano frasi
sconnesse.
19
postato da , il
Ad Annarita:

Lei accetta le parole degli altri , solo se sono degne  di stima di colui che le pronuncia?

Bhè, non bisognerebbe mai mescolare un racconto , con colui che lo scrive. La mano può tradire in qualsiasi momento. ma la storia rimarrà sempre la stessa. Se mi dovessi ricredere basandomi "sulla vita" delle persone per le quali ho condiviso delle opere molto belle... allora dovrei bruciare il 99 per cento dei libri che ho letto in tutto questo tempo, che non sono stati molti, ma comunque un certo numero.

Margherita.... lei mi piace anche quando è superficiale.
18
postato da , il
Nietzsche non viene strumentalizzato da nessuno, ma solo citato.. prima di dire ign*o*ra*nte agli altri, impari  a distinguere.
Margherita, se lei è per le cose semplici.. allora stiamo perdendo tempo, giacchè, per me non esistono discorsi semplici (nessuno lo è in realtà) ma solo persone che semplificano....  e nessuno di questi ha mai sforato nemmeno lontanamente la verità nelle cose. Non che io sia qui per cercare la verità di nulla, comunque.
I pensieri agglomerati fanno parte di un universo basato su un caos continuo.. se lei non accetta i pensieri agglomerati.. allora non accetta il mondo in se per se.
Io non confondo nulla.. semplicemente lascio scorrere le parole, cosa che, a voi ( presenti dalla testa ai piedi) non riuscite a fare. Lei ha un intenzione quando parla con me, mentre io no.. non ho inizio e fine. E criticare cose che non si comprendono..mi creda...è questa la vera ig*n*or*anza.


La/ Sol/ Re/ La/ Si/   Vi.. Saluto.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti