Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Allo sbarco negli Stati Uniti, Einstein, come..." di Albert Einstein


4
postato da , il
che grande uomo!
3
postato da , il
Ritengo di si tratti di una frase leggendaria  in quanto c'è francamente da dubitare che A. Eistein abbia dovuto compilare moduli,  poiché tutte le biografie che lo riguardano concordano con il fatto che A.Einstein giunse negli Stati Uniti  quando era già un famoso scenziato ben noto per la teoria della relatività.
Inoltre Eistein decise di  rimanere negli Stati Uniti quando apprese che  Htler era salito al potere in Germania mentre  egli sitrovava negliUSA per un gitro di conferenze  nelle migliori Università. Appresa la notizia  acceto l'incarico di  insegnare all'Università di Princeton e dichiarò pibblicamene che non sarebbe più tornato in Germania.  In ogni caso ritengo che Einstein avrebbe comunque risposto  ad una simile domanda  con la frase che quela che io penso essere una leggenda gli attribuisce. tale risposta concorda perfettamente con il suo modo di pensare   sullequestioni importanti dell'umanità, senza però dimenticare che Einstein  inizialmente considerava se stesso un tedesco ma successivamente l'antisemitismo che  si diffuse in Germania  durante e dopo la prima guerra mondiale  lo spinse ad identificarsi e  sostenere attivamente  la causa sionista, fino a  ricevere, dopo la costituzione dello Stato di Israele, l'invito ad assumerne la presidenza. Invito che tuttavia Einstein non accolse peferendo resare  negli USA, di cui si sentiva a tuttigli effeti cittadino, per continuare i propri studi.
2
postato da , il
era veramente il migliore!.
1
postato da , il
purtroppo non tutti la pensano cosi'.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti