Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a La fontana malata di Aldo Palazzeschi


39
postato da , il
bellissima
38
postato da , il
Nella poesia "La fontana malata", Aldo Palazzeschi riproduce il suono dell'acqua con onomatopee; la loro ripetizione ricorda il respiro affannoso di un malato.
In questo caso l'acqua è immagine di angoscia e sofferenza. Palazzeschi usa l'onomatopea per creare strofe di suoni bizzarri semplicemente per divertirsi.                 Oltre alle onomatopee sono presenti anche delle personificazioni: la fontana è malata e tossisce come se fosse una persona. Questa rinviene giù nel cortile e continua a perdere acqua mettendo ansia all'autore, infatti a volte sembra che smetta, ma poi rincomincia, aumentando sempre di più l'ansia. Ad un tratto sembra che non si riprenda più e per il poeta è come se fosse morta, ma dopo una lunga pausa riprende il suo dolore e quindi anche quello del poeta. L'autore è così stanco che decide di chiamare due servi e li manda a chiudere definitivamente la fonte, anche perché lui stesso si sente morire, ed è come se sente dentro di se lo stesso dolore che lei "prova".
La poesia è scritta con un italiano molto facile, anche se talvolta troviamo termini letterari come " romori" anziché "rumori". I suoni scritti in corsivo, mettono in evidenza i toni dell'acqua.
37
postato da , il
bellissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
36
postato da , il
molto bella eccezionale
35
postato da , il
tutti pensiamo che e bellissima

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti