Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Mutazioni di Flavia Ricucci


7
postato da , il
Pino,
non avevo letto il tuo commento.

Distrazione o censura?
6
postato da , il
Tina,
sei una fonte di luce.
5
postato da , il
Esiste speranza di una mutazione all'incontrario?
Secondo me sì, perché a ben guardare si tratta di orrende metamorfosi, ma per fortuna non di mutazioni.
La mutazione, per quanto ne sappiamo, procede dall'ottusità del bruto verso l'intelligenza: e la guerra tutto è, tranne che un'attività intelligente. Prima o poi, quindi, saremo abbastanza intelligenti da eliminarla: sempre però che riusciamo a sopravvivere all'ultima guerra.
Il che sembra, per dire le cose come stanno, al di sopra delle nostre possibilità.
E allora?
E allora ci vuole un aiuto, altrimenti non ce la faremo.
Forse - chissà - ce lo daranno le api. O le formiche. Se solo riuscissimo a capirle.
4
postato da , il
ALBERT EINSTEIN DISSE:
“Se l’ape scomparisse,
all’uomo resterebbero quattro anni di vita”.
Le api producono miele, pere, mele,
pomodori, trifoglio, erba medica, latte, carne.
Trasportano il polline
e trasformano il mondo in cibo.
Le api, un bioindicatore dell’ambiente,
sono una specie a rischio.
Oggi loro, domani noi.

Se vedete un’ape che m u o r e, preoccupatevi.
3
postato da , il
Miriam,
sono emozionata per quello che hai scritto.
GRAZIE
vorrei davvero meritarmi
"l'ironia tipica dei grandi"

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti