Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Perché una volta che l'oscuro male ti prende l..." di Rossella Porro

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati

5
postato da , il
comprendo quello che dici Miriam e condivido la necessità del supporto anche a chi è vicino ad un malato
4
postato da , il
Bella questa perché sentita.
3
postato da , il
Lo so Rossella, credo che si possa definire anch'essa una patologia e so che non è sicuramente una passeggiata.
Penso non solo per chi ne è affetto, ma anche per chi gli sta vicino.
Come giustamente dici tu, la cura migliore non può essere solo farmacologica, ma andrebbe integrata col supporto affettivo delle persone che ci vogliono bene.
Io parlo nel mio caso, sicuramente un pò diverso dal tuo, ma per certi versi paragonabile. Quando un familiare, un amico, una persona cara si viene a trovare all'improvviso in condizioni estreme di malessere, le persone che dovranno prendersene cura, si ritrovano all'improvviso catapultate in un mondo tutto nuovo, difficilissimo da gestire. Oserei dire che avrebbero bisogno a loro volta di un supporto psicologico per essere in grado di gestire il malessere del proprio congiunto.
È semplice affermare  che l'affetto sia sufficiente, ma a volte il peso è troppo gravoso e questo non basta. E così capita che all'inizio chi ti sta intorno è premuroso, attento, cerca in tutti i modi di alleviarti le sofferenze...ma poi i giorni, i mesi, gli anni passano...e la stanchezza affiora inevitabilmente.
Ma come dici tu, la cura dell'anima è importante tanto quanto quella del corpo e non bisognerebbe mai sottovalutarla...
Ciao cara!!
2
postato da , il
SI HAI RAGIONE, io mi riferivo a quella malattia che è la depressione...che è così difficile da comprendere da chi sta intorno che spesso cerca di curare il corpo...evitando di prendersi cura dell'anima...
1
postato da , il
Cara Rossella, purtroppo devo ammettere che quando ci si ritrova a dover  accudire e gestire  le sofferenze altrui, si innesca automaticamente quel meccanismo che,  da una parte suscita un grande sentimento di pietà ma che dall'altra è separato da una linea di confine con l'intolleranza e perfino col fastidio, sottile come un filo di capello...
Bisogna essere forti mia cara...molto forti!

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati