Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Perché festeggiare ancora? Perché forse..." di Rossella Porro

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati

10
postato da , il
sapevo benissimo che non avrebbe avuto consensi....perchè è provocatoria...e vuole essere una provocazione......
9
postato da , il
Francesco poco mi mporta della donna che si vende....sono libere scelte...per chi vende e chi compra....io parlo d'altro...e la frase non vuole essere un augurio......è nata dal semplice disgusto per i fatti di cronaca...
8
postato da , il
allora yerate...invece che recitare il mea culpa...per non cadere in un baratro di tristezza è più opportuno foderarsi gli occhi di prosciutto.....
7
postato da yeratel, il
In quanto maschio di "questa società maschilista", leggere un pensiero del genere mi induce tristemente a non partecipare a nessun tipo di festeggiamento... Se dovessimo utilizzare il punto di vista espresso dalla frase, (non la reputo classificabile come augurio) per ogni ricorrenza piomberemmo in un grigio baratro di sconcertante tristezza... chinando i nostri capi, ed utilizzando il cilicio recitando lamentosi "mea culpa"!
6
postato da , il
io non trovo brutto il riferimento ,certo forse non da augurio per questa festa ,ma  odio le feste esclusivamente commerciali  bisogna ricordare che le  origini di essa riportano a donne che con coraggio e bravura hanno lottato per farsi spazio nella vita http://www.pensieriparole.it/frasi-per-ogni-occasione/festa-della-donna/frase-102730

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati