La lingua tedesca è abbastanza semplice da imparare. Una persona che conosce un po' di latino e di declinazioni si sentirà abbastanza sicura anche in Germania. Questo è, per lo meno, quello che dicono gli insegnanti di tedesco durante la prima lezione...

Il primo passo è comprare un corso di tedesco, come l'eccellente edizione, pubblicata a Dortmund, che parla della tribù degli ottentotti (Hottentotten). Il libro spiega che gli opossum (Beutelratten) vengono catturati e messi in ceste di vimini (Lattengitter) chiuse. Queste gabbie, in tedesco vengono chiamate Lattengitterkoffer; e se al loro interno vi è un opossum catturato, si chiamano Beutelrattenlattengitterkoffer.

Un giorno, gli ottentotti catturano un assassino (Attentäter) accusato di aver ucciso una delle madri (Mutter) degli ottentotti (Hottentottenmutter), madre di uno stupido e balbuziente (Stottertrottel). Questo tipo di madre, in tedesco è chiamato Hottentottenstottertrottelmutter e il suo uccisore Hottentottenstottertrottelmutterattentäter.

Si deve sapere che quando gli ottentotti catturano un individuo, lo mettono nella cesta per gli opossum (Beutelrattenlattengitterkoffer).

Ma l'assassino riesce a fuggire: inizia la ricerca!

Dopo qualche tempo uno dei guerrieri va dal capo: "Ho catturato l'assassino (Attentäter)."

"Sì? Quale assassino?" chiede il capo.
"Beutelrattenlattengitterkofferattentäter." risponde il guerriero. "Cosa?
L'assassino che è nella cesta dell'opossum fatta di vimini?" chiede il capo.

"Certo!" dice il guerriero "Hottentottenstottertrottelmutterattentäter (l'uccisore della mamma dell'ottentotto stupido e balbuziente)." "Ah" dice il capo degli ottentotti "Fin dall'inizio avresti potuto dire che avevi catturato l'Hottentottenstottertrottelmutterbeutelrattenlattengitterkofferattentäter!"

Come tutti possono vedere, il tedesco è una lingua facile e piacevole.
Anonimo
Vota la frase umoristica: Commenta
    Scritta da: Paolo Broni
    Due amici sono a caccia quando uno dei due cade a terra svenuto, gli occhi sbarrati. L'altro si spaventa e chiama il 113: "Aiuto, aiuto, il mio amico è morto! Il mio amico è morto!"
    L'operatore risponde: "Si calmi, l'aiuto io. Per prima cosa si accerti che il suo amico sia veramente morto."
    C'è un attimo di silenzio, poi si ode una fucilata e il tizio riprende: "ok. Fatto. E adesso?"
    Anonimo
    Vota la frase umoristica: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di