Questo sito contribuisce alla audience di

    ripasso da qui
    dal posto dove sono nato
    dove tutto è cominciato
    dove tutto è cambiato
    la dove c’era un ritmo adesso c’è
    lo stesso ritmo scomposto ricomposto
    spezzato sincopato rallentato accelerato
    fatto a pezzi
    suonato con le mani su un tamburo
    o con le dita su uno schermo che arriva dal futuro
    con il cuore mai fermo mai sicuro mai puro
    questa è la mia casa la mia strada la mia gente
    questa la mia musica che è fatta di tutto e di niente
    e niente è più potente di due cuffie che suonano
    seguendo il ritmo dei tuoi passi che si allontanano
    da quello che qualcuno ha già deciso per te
    ma senza chiederti dove volevi andare
    il marciapiede sotto casa, una pista per decollare
    da un paese con i mille palazzi senza la scale
    più che uno stato sociale è uno stagno sociale
    ripasso da qui
    senza risposte
    non ho acquisito saggezza lungo le soste
    perchè di soste non ne ho fatte
    è un’avventura
    senza tutele zero garanzie
    senza paura
    di perdere quello che non mi puoi portare via
    ripasso da qui e sento ancora la magia
    del mondo che esercita la sua forza centrifuga
    la sua forza centripeta
    e cosmica e cosmetica
    tragica ed energetica
    supercalifragilistica
    funkadelica

    (x2)
    ripasso da qui
    come una palla che rimbalza
    mentre il beat incalza
    e va su e va giù
    e va su e va giu
    rimbalza
    rimbalza
    rimbalza

    ripasso da qui
    e c’è qualcosa che si muove
    lingue che si mischiano incroci e facce nuove
    il mondo multiculturale che sognavo è diventato una realtà
    ta ta ta ta ta ta
    e tutto cambia è questo che non cambia mai
    e viene e vai vai vieni vieni vieni vai vai
    il richiamo della foresta
    non posso stare a lungo distante da questa festa
    con un sound system che riscalda roba buona
    il groove che procede mentre il sub tuona
    dai giradischi ho cominciato e posso continuare
    nato analogico sto bene digitale

    (x2)
    ripasso da qui come una palla che rimbalza
    mentre il beat incalza
    e va su e giù
    e va su e giù
    rimbalza
    rimbalza
    rimbalza

    questa è la vita e dalla vita non si sfugge sai
    quello che semini si dice che raccoglierai
    ma non tutto dalla semina dipende però
    c’è pioggia c’è sole natura del terreno
    e non sta scritto da nessuna parte che non può
    modificarsi in corsa un itinerario
    ho sviluppato un mio discreto senso pratico
    ho condiviso i piani alti e pure il lastrico
    non ho intenzione di arrivare dritto al punto
    non mi interessa di un romanzo il suo riassunto
    io sono il contrappunto ad una melodia
    che fa da contrappunto ad una melodia

    (x2)
    ripasso da qui come una palla che rimbalza
    mentre il beat incalza
    e va su e giù
    e va su e giù
    rimbalza
    rimbalza
    rimbalza

    mi dicono non c’è più musica non c’è più musica
    e più me lo ripetono e più io sento la musica
    uscire da ogni angolo del mondo dove passo
    sento l’asfalto che risuona come un basso
    e canta il frigorifero, rumba l’ascensore
    ovunque c’è una musica signori e signore
    mi spiace di deludervi ma è la solita storia
    che tutto sembra sempre meglio nella memoria
    piuttosto che vivente contradditorio
    si sa che il passato suona consolatorio
    invece mentre avviene la vita è inaspettata
    non chiede di essere capita ma vissuta
    questa è la vita tra delirio ed inquietudine
    l’ultima rima la faccio con gratitudine
    ecco la musica tra folla e solitudine
    l’ultima rima del pezzo: “gratitudine”

    (x2)
    ripasso da qui come una palla che rimbalza
    mentre il beat incalza
    e va su e giù
    e va su e giù
    rimbalza
    rimbalza
    rimbalza

    Cosa ne pensi di "Rimbalza" di Jovanotti?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti