Questo sito contribuisce alla audience di

    Una voce, un’immagine, un soffio
    qualche cosa che un nome non ha
    che mi parla nei posti più strani
    tra l’amore e la pubblicità.
    Dentro al fondo di certi bicchieri
    alle soglie del sogno di ieri
    nella gonna che vola nel vento...

    Sono l’ospite dentro al tuo letto.
    Sei la gatta che vive sul tetto.
    Ogni cosa mi mostra un aspetto
    di milioni di aspetti che ha.
    Paradisi vestiti da inferni.
    Superfici di mondi moderni
    e presagi futuri...

    Il mio naso non vede i colori.
    I miei occhi non sentono i suoni.
    La mia bocca non sente gli odori.
    La mia mano non tocca i sapori.
    Ma la voce che soffia nel vento
    io, la sento.
    La risposta che soffia nel vento
    io, la sento.
    La sento.
    è la pioggia che cade
    la sento.
    i sentieri e le strade
    la sento.
    è qualcuno che ride.
    La porta
    è aperta.

    Una notte che illumina un giorno.
    Un’andata che sembra un ritorno.
    C’è una macchia nel centro del sole.
    Il tremore di certe parole.
    La mia ultima volta da solo
    ho sentito una spinta alle spalle
    un invito a mollare i bagagli.

    Come un uomo che impara a volare.
    Una terra che emerge dal mare.
    Per la fine del mondo è prevista
    una festa che inizia da ora.
    Puoi venire vestita così
    oh mia bella signora.
    Puoi venire vestita così
    oh mia bella signora.

    Il mio naso non vede i colori.
    I miei occhi non sentono i suoni.
    La mia mano non sente i sapori.
    La mia bocca non sente gli odori.
    Ma la voce che soffia nel vento
    io, la sento.
    La risposta che soffia nel vento
    io, la sento.
    La sento.
    è la pioggia che cade.
    La sento.
    i sentieri e le strade.
    La sento.
    è qualcuno che ride.
    La porta
    è aperta.

    Ho studiato le rondini in volo
    per comprendere il loro alfabeto.
    Segatura per terra nei bar
    ha formato il mio fiuto.
    Se passate da casa dei miei
    dite loro che è tutto perfetto
    ho commesso le solite colpe
    da carenza o da eccesso d’affetto.

    La tristezza è un ricatto
    è il delictum perfecto
    che fa vittime più della peste
    e non desta sospetto.
    Per la fine del mondo è prevista
    una festa che inizia da ora
    Puoi venire vestita così
    oh mia bella signora

    (è la pioggia che cade)
    Il mio naso non vede i colori
    (i sentieri e le strade)
    I miei occhi non sentono i suoni
    (è qualcuno che ride)
    La mia lingua non sente gli odori.
    La mia mano non sente i sapori.
    Ma la voce che soffia nel vento
    io, la sento.
    La risposta che soffia nel vento
    io, la sento.

    è la terra promessa.
    La sento.
    è la data che cambia.
    La sento.
    è un incrocio di sguardi.
    La sento.
    è una faccia nascosta.
    La sento.
    è uno sparo lontano.
    La sento.
    è la pioggia che cade.
    La sento.
    è qualcuno che ride.
    La sento.

    Cosa ne pensi di "La Porta è Aperta" di Jovanotti?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti