Questo sito contribuisce alla audience di

    (Parlato) Stanza 132... ore 18... è già nato... sì: è un maschio due chili e nove... com’è bello! Tutto suo padre... No tutto sua madre... ma che dici! Sì, tutto bene: parto naturale... non se n’è neanche accorta!

    Quanti fiori colorati, sono nato in una serra.
    Quanti volti emozionati, quanta gente che mi afferra.
    Che fortuna! Ho tanti amici e son qui tutti felici:
    tra sorrisi e complimenti prendo i primi sacramenti.
    Ma che nome mi daranno? forse G come mio nonno;
    io mi giocherei la vita che quei tipi li lo fanno.

    Ma com’è grasso, ma com’è bello
    guardalo povero piccolo, prendilo povero piccolo,
    dammelo un po’ anche a me.

    “Un amore di bambino, una vera meraviglia”
    È la voce della zia con quel mostro di sua figlia.
    C’è anche lui, tutto sudato, quel maiale con gli occhiali
    che si vede raramente solo in casi eccezionali.
    E comincia coi commenti la sfilata dei parenti;
    ma io proprio non capisco perché son così contenti.

    Ma com’è grasso, ma com’è bello
    guardalo povero piccolo, prendilo povero piccolo,
    dammelo un po’ anche a me.

    Poi si mettono a mangiare per concludere la festa,
    uno si alza col bicchiere ma gli gira un po’ la testa:
    “Sarà un uomo assai importante, forte, bello, intelligente”
    Ma sta calmo, che magari poi divento un deficiente!
    Han deciso per il nome: proprio G, come mio nonno,
    avrei voglia di reagire ma per ora ho troppo sonno.

    Ma com’è grasso, ma com’è bello
    guardalo povero piccolo, prendilo povero piccolo,
    dammelo un po’ anche a me.

    Cosa ne pensi di "Prima Ricorrenza: Il Signor G Nasce" di Giorgio Gaber?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti