Questo sito contribuisce alla audience di

    E quando sei lì in ascensore. Schiacci l'ottavo. L'ascensore sale.Lentissimo. Le porte di metallo. Le pareti di metallo. Il soffitto dimetallo. E se si blocca? Aria... mi manca l'aria! O mamma!
    E quando magari la domenica prendi la tua bella macchina e tela porti in un prato e nel prato sei lì tu e lei. Soli. E tela lavi e telaasciughi... O mamma!
    E quando vai in giro su un marciapiede e magari per terra ci sono legiunture, le righe. Non voglio calpestare le righe... Allora metti ilpiede in un rettangolo, poi in un altro rettangolo, poi vedi che uno tiguarda: "ehm... c'ho male a un piede...". O mamma!
    E quando sei a letto, alla sera, tutto spento, stai per addormentarti.Ti viene un dubbio. Il gas. Avrò spento il gas? Meglio andare a vedere.Allora ti alzi, accendi la luce, vai in cucina, guardi il gas: spento.Meno male. Torni in camera, spegni la luce, vai sotto le coperte, staiper addormentarti. Ma avrò visto bene che è spento? Magari era così[gesto] e io l'ho visto così [gesto]...è un attimo. Meglio tornare avedere. Allora ti alzi, accendi la luce, vai in cucina, guardi il gas:spento.  Adesso io lo apro e lo spengo, così sono sicuro che l'hospento: giuro che l'ho spento! L'ho spento, l'ho spento, l'ho spento!Torni in camera, spegni la luce, vai sotto le coperte. Ti alzi, accendila luce, vai in cucina.  Torni in camera, vai in cucina. Torni incamera, vai in cucina... E alle cinque di mattina ti addormenti sulfrigorifero. Col gas aperto. O mamma!

    Cosa ne pensi di "Oh Mamma!" di Giorgio Gaber?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti