Questo sito contribuisce alla audience di

    La notte faccio sempre tardi, non certo per divertimento
    la notte è il mio elemento.
    Gli amici, la conversazione, quaranta sigarette, un po' di vino
    comincio a stare meglio e mi si alza il tono.

    Ma di mattina, ci tengo a precisare, all’una di mattina
    c'è sempre un cretino che suona
    perché il cretino è un amico che sa che stai dormendo
    e allora insiste, l'amico è tremendo.

    Mi alzo come un deficiente
    e gioco a mosca cieca con gli oggetti
    non mi diverto niente.
    Sarebbe il caso di sfruttare l'intelligenza della notte
    invece di sparar cazzate, mettere a posto le ciabatte.
    Mi aggiusto le mutande intanto che attraverso il corridoio
    c'ho un freddo… brrr… che muoio.
    La giacca del pigiama è quasi sempre troppo corta
    mi accosto un po' chinato e apro un pelo di porta.

    "Ah, sei tu, Luciano…"
    (è l'ultima persona che vorrei vedere).
    "Ah, sei tu Luciano, mi fa piacere".

    Lui mi si butta al collo, un tenero abbraccio
    ha gli occhi gonfi, è pallido come uno straccio
    mi stringo nella giacca del pigiama, un po' cortina
    barcollo, poi raggiungo la cucina.

    Così in mutande non sono a mio agio
    ma lui non può capire
    sono il suo salvatore, ormai mi ha scelto
    sono un gruppo d'ascolto.

    [parlato]: "Eh, sì, lo so, Luciano, le donne…"

    "Luciano, sono troppo nudo, dovrei mettermi almeno i pantaloni"
    ma lui non mi dà tregua, non sente ragioni
    e lo capisco, certo non è il caso di occuparsi di pudore
    quando un amico è disperato, soffre e piange e poi magari muore.

    "Un attimo soltanto", provo a dire
    "dovrei andare…"
    Sono anche debole di reni
    meglio non dirlo, per carità, di fronte ai suoi problemi.

    Infatti lui mi butta addosso una tale dose di dolore
    che non mi lascia neanche il tempo di pisciare.
    "Povero Luciano…"
    (devo dirgli qualche cosa di geniale)
    "Povero Luciano, come stai male".

    Lui soffre da morire, non esagera affatto
    è proprio vero, gli è successo di tutto.
    Se non fosse per come mi scappa lo potrei capire
    del resto anch'io ho sofferto per amore, purtroppo devo andare.

    Ma lui mi piange sulla spalla, mi vuol bene, mi si butta addosso
    non vuole mica, non c'è cristo che mi mandi al cesso.
    Sono anche debole di reni, non ne posso più, maledizione
    la sento scivolare un po', la fermo subito con il trucco della contrazione.
    Poi con indifferenza mi asciugo un po' la coscia
    che cosa vuoi che sia in confronto alla sua angoscia.

    Riprende a lamentarsi, è una cascata
    aiuto, un'altra goccia sulla coscia, questa volta non l'ho fermata
    io cerco di scappare, se posso lo mollo
    ma è troppo disperato, mi si butta al collo.

    Poveretto, gli muore anche la mamma e lui si spara, è tutto un morire
    è nello squagliamento più totale, è nel terrore.
    E io sono debole di reni, l'ho già detto
    inutile resistere, tanto è lo stesso
    inutile resistere, lo so, lo so, oramai mi piscio addosso.

    "Aiuto, Luciano, mi sto pisciando addosso!".
    Non è possibile, non voglio, non posso
    la sento scivolare, mi sto pisciando addosso
    sento già il suo calore.

    "Aiuto, Luciano, non la posso fermare!"
    Mi si è sciolto il cuore
    sono una fontana, sono tutto un sudore.

    [parlato]: Aiuto, mollo tutto, adesso piscio, sì, piscio per due ore!

    [parlato]: "Luciano… Dove vai, Luciano…
    Dài, stai qui, vogliamoci bene.Ma come ti faccio schifo? Se stavo dormendo… È colpa tua. Te e quella troia che t'ha lasciato.
    Dài, Luciano, non andar via, stai qui con me,Lu… le donne sono tutte piscione!"

    Cosa ne pensi di "Luciano" di Giorgio Gaber?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti