Questo sito contribuisce alla audience di

    Basta non guardare
    in fondo alla propria faccia
    e non frugarsi dentro agli intestini
    ogni domanda al corpo
    può essere una breccia
    un inizio di inquietudini e di ossessioni.

    La smorfia avanza da sola
    la smorfia non è indulgente, affiora pian piano
    e non puoi neanche controllarla
    racconta spietatamente come siamo.

    E dopo vent'anni si comincia ad avere
    la faccia tutta presa da quella smorfia
    che avanza sicura con un percorso preciso
    e diventa uno specchio di miseri errori
    non permette a nessuno di esser bello di fuori
    ti vien su dal di dentro e si blocca per sempre sul viso.

    Basta non guardare
    in fondo alla propria faccia
    e non frugarsi dentro agli intestini
    ogni domanda al corpo
    può essere una breccia
    un inizio di inquietudini e di ossessioni.

    La smorfia che porta sul viso
    un uomo a confezionarla ci impiega una vita
    e non sempre riesce a terminarla
    da quanto questa smorfia è complicata.

    E quanti giri ha dovuto fare
    tra le viscere del suo corpo
    quasi avesse un fatale appuntamento
    quante orribili contorsioni
    per raggiungere la sua faccia
    per esprimere tutto il suo fallimento.

    E l'uomo che ti trovi davanti
    in una strada deserta ti fa una certa paura
    non tanto per la sua cattiveria
    ma proprio per la sua bruttura.

    Basta non guardare
    in fondo alla propria faccia
    e non frugarsi dentro agli intestini
    ogni domanda al corpo
    può essere una breccia
    un inizio di inquietudini e di ossessioni.

    Cosa ne pensi di "La Smorfia" di Giorgio Gaber?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti