Questo sito contribuisce alla audience di

    …La sedia!
    La sedia è la sedia: visione globale dell’oggetto.
    Generalmente di legno, faggio evaporato, noce dei casi migliori,talvolta di vimini, caso limite, non globale.
    La sedia serve per sedersi e se di vimini stride alla pressione dei culi obesi, pesanti, sempre seduti: fenomenologia dell’oggetto.
    Già, ma chi si siede?
    Qui il discorso si fa più difficile ed occorre un’analisi più profondaalla luce della quale emerge un verità sconcertante: si siede chi ha lasedia.
    Chi non ce l’ha?
    Chi non ce l’ha è costretto a stare in piedi. Se ne deduce cheinevitabilmente la sedia opera nell’umanità una piccola divisione.
    Ma chi ha la sedia è gentile e la cede a chi è in piedi?
    No! Chi ha la sedia se la tiene e ci sta comodamente seduto.
    Ma allora cosa ci rappresenta il "Prego s’accomodi"?
    Il "Prego s’accomodi" è un modo di dire, signorile e democratico, che fa notare le differenze ma con gentilezza. Meglio sarebbe sostituirlo con"Prego stia pure in piedi", ugualmente gentile però più vero!
    Io la sedia ce l’ho però sto in piedi.
    No, mi dispiace questo caso non è previsto!
    Come non è previsto? Cercate di prevederlo perché io sono uno in piedicon la sedia.
    Beh, allora diciamo che soggettivamente sei uno di quelli che stanno inpiedi, ma oggettivamente…

    Cosa ne pensi di "La Sedia" di Giorgio Gaber?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti