Questo sito contribuisce alla audience di

    Questa è la storia tutta da piangere
    di una mamma un pochino ingenua
    che difendeva il suo Gino
    lo difendeva così.

    Si tratta certo di un malinteso
    no non capisco perché me l’hanno preso
    nella mia casa è successo che ieri
    un commissario con due brigadieri
    hanno frugato cercato e trovato
    la sua borsa di pelle nera.

    Che c’è di strano se l’hanno trovata
    lui la sua roba la tiene ordinata
    c’era la lima la pinza e che bello
    c’era pure il suo grimaldello.

    Lui li ha seguiti non si è difeso
    no non capisco perché me l’hanno preso.

    Mamme pettegole qua nel rione
    me lo diffamano in ogni occasione
    l’han criticato parlando anche male
    di quella storia dell’ospedale.

    Quando ‘ste estate laggiù a Bardonecchia
    lui ha dato due pugni a una vecchia
    io non lo so come il fatto sia andato
    ma quella vecchia l’avrà provocato.

    A questi fatti non ci do peso
    no non capisco perché me l’hanno preso.

    Dicon che ha avuto la mano pesante
    nel furtarello a quel mendicante
    ma dico io con quale coraggio
    oggi difendono l’accattonaggio.

    Adesso corro a spedirgli un bel pacco
    ci ho messo dentro biscotti e tabacco
    un gran ritaglio con su il suo il suo ritratto
    e gli aranci che lui ne va matto.

    Si tratta certo di un malinteso
    ma il mio Gino perché me l’hanno preso.

    Cosa ne pensi di "La mamma del Gino" di Giorgio Gaber?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti