Questo sito contribuisce alla audience di

    No, non muovetevi
    c'è un’aria stranamente tesa
    c'è un gran bisogno di silenzio
    siamo come in attesa.

    No, non parlatemi
    bisognerebbe ritrovare
    le giuste solitudini
    stare in silenzio ad ascoltare.

    L'attesa è una suspense elementare
    è un antico idioma che non sai decifrare
    è un'irrequietezza misteriosa e anonima
    è una curiosità dell’anima.

    E l'uomo in quelle ore
    guarda fisso il suo tempo
    un tempo immune da avventure
    o da speciale sgomento.

    No, non muovetevi
    c'è un'aria stranamente tesa
    e un gran bisogno di silenzio
    siamo come in attesa.

    Perché da sempre l'attesa è il destino
    di chi osserva il mondo
    con la curiosa sensazione
    di aver toccato il fondo.

    Senza sapere
    se sarà il momento
    della sua fine
    o di un neo-rinascimento.

    Non disturbatemi
    sono attirato da un brusio
    che non riesco a penetrare
    non è ancora mio.

    Perché in fondo anche il mondo nascente
    è un po' artista
    predicatore e mercante
    e pensatore e automobilista.

    E l'uomo qualunquista
    guarda anche lui il presente
    un po’ stupito
    di non aver capito niente.

    L'attesa è il risultato, il retroscena
    di questa nostra vita troppo piena.
    è un andar via di cose dove al loro posto
    c'è rimasto il vuoto.

    Un senso quieto e religioso
    in cui ti viene da pensare
    e lo confesso ci ho pensato anch'io
    al gusto della morte e dell’oblio.

    No, non muovetevi
    c'è un'aria stranamente tesa
    e un gran bisogno di silenzio
    siamo tutti in attesa.

    Cosa ne pensi di "L'Attesa" di Giorgio Gaber?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti