Questo sito contribuisce alla audience di

    [parlato:] L'Italia è una repubblica fondata sul lavoro.
    I nostri vecchi dicevano: "Chi lavora un piatto di minestra ce l'ha sempre. Chi non lavora ce ne ha due".
    Oggi forse la battuta potrebbe sembrare un po' di cattivo gusto per le difficoltà e l'enorme fatica che si fa a trovare un posto di lavoro sicuro.
    Un giovane se lo deve cercare e poi trovare... c'ha tanto di quel tempo libero... e allora che fa? Va al bar, va in discoteca, al pub con gli amici, torna a casa alle quattro di notte...
    Finché una mattina finalmente: DRIIIN!
    "Pronto".
    "Buongiorno signore. Lei è fortunato, ha trovato un posto di lavoro".
    "Maledizione, proprio io... con tutti i disoccupati che ci sono!".

    E voi così innocenti colpevoli d'esser nati
    in giro per le strade, gli sguardi vuoti i gesti un po' sguaiati
    si vede da lontano che siete privi di ideali
    con quello spreco di energia dei giovani normali.

    E voi che pretendete che tutto vi sia dovuto
    con la scusa infantile che "nessuno mi ha mai capito"
    siete così velleitari come artisti improvvisati
    con quella finta libertà dei giovani viziati.

    È un gran vuoto che vi avvilisce e che vi blocca
    come se fosse un grido in cerca di una bocca
    come se fosse un grido in cerca di una bocca.

    E voi che rincorrete, decisi e intraprendenti
    l'idea di una carriera tipo imprenditori sempre più rampanti
    disponibili a tutto, all'occorrenza anche disonesti
    con tutta la meschinità dei giovani arrivisti.

    E voi così randagi sempre sull'orlo del suicidio
    covate ben racchiusa dentro al vostro petto un'implosione d'odio
    l'eroico vittimismo da barboni finti e un po' frustrati
    e col cervello in avaria dei giovani scoppiati.

    È una rabbia che vi stravolge e che vi blocca
    come se fosse un grido in cerca di una bocca
    come se fosse un grido in cerca di una bocca.

    E voi che brancolate in un delirio tra il male e il bene
    col rischio di affondare nella totale degradazione
    aggrappatevi al sogno di una razza che potrebbe opporsi
    per costruire una realtà di giovani diversi.

    C'è nell'aria un'energia che non si sblocca
    come se fosse un grido in cerca di una bocca
    come se fosse un grido in cerca di una bocca
    come se fosse un grido in cerca di una bocca.

    Cosa ne pensi di "Il Grido" di Giorgio Gaber?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti