Questo sito contribuisce alla audience di

    Come… come conclusione mi sarebbe molto piaciuto un bel discorso sulfuturo. Solo che io sul futuro c'ho ben poco da dire. So solo che untempo, non so se vi ricordate, si cercava di creare delle prefigurazioni di cose, di… di immagini a cui tendere, sì, quasi dei punti d’arrivo,eh? Erano come delle bellissime fotografie di una società che noiavremmo dovuto… Sì, poi queste immagini invecchiavano, si irrancidivanoma noi continuavamo ad essere affezionati a queste meravigliosefotografie ingiallite nella speranza magari che con una rispolveratina…
    No, ora finalmente io non ho futuro. Ora io preferisco pensare che ciòche mi spinge fuori sia solo una conseguenza o meglio una forza che èalle mie spalle. Davanti c’è soltanto uno spazio vuoto. L’importante èguardarlo attentamente questo spazio vuoto, come se da un momentoall’altro le cose potessero uscire dal silenzio e rivelarsi.

    Cosa ne pensi di "Il Futuro" di Giorgio Gaber?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti