Questo sito contribuisce alla audience di

    Parlato) No. Io sono un uomo di cultura. Io con quelli lì non ci vado, sono testacchioni. Sì, forse l’impostazione è anche giusta, ma ci sono troppe cose… Certo che il mondo va male, vuoi che non lo veda? Sono più a sinistra di loro, io. È che loro sono ingenui, ignoranti, non hanno dubbi. Mentre io, io sono un problematico e prima di prendere una decisione…

    Gli intellettuali sono razionali
    lucidi, imparziali, sempre concettuali
    sono esistenziali, molto sostanziali
    sovrastrutturali e decisionali.

    (Parlato) Poi dicono, gli intellettuali. È chiaro, siamo su un altro livello. Loro vanno lì, si picchiano coi fascisti, con la polizia. Cosa risolvono? Non scavano, sono grossolani. Io sono anche magro. Diffido della gente robusta. Gli operai. No, intendiamoci, io sono più a sinistra di loro. È che tanto non si può far niente. Toh! Un po’ di vento. E questa foglia che mi batte su un occhio... Agire, dicono, bisogna agire. Che fastidio, questa foglia... Bisogna vedere come si agisce e se si può agire. Intanto batte, eh... Cosa posso fare? Niente, non c’è niente da fare.

    Gli intellettuali fanno riflessioni
    considerazioni piene di allusioni
    allitterazioni, psicoconnessioni
    elucubrazioni, autodecisioni.

    (Parlato) Che fastidio, questa foglia. Batte sempre più forte. Cosa posso fare?... Niente, non c’è niente da fare.
    Va a finire che perdo l’occhio.

    Cosa ne pensi di "Gli Intellettuali" di Giorgio Gaber?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti