Questo sito contribuisce alla audience di

    E giro giro giro per la città
    e sogno e rido e vivo nella città.

    Il verde ti lascia passare
    in cento attraversano in fretta
    per ultima una coppietta
    che il rosso è riuscita a bloccare.

    L’autista del tram ventiquattro
    si arrabbia con un millecento
    gli urla che va troppo adagio
    si sporge in un gesto di sfregio.

    E giro giro giro per la città
    e sogno e rido e vivo nella città.

    Un cane si ferma distratto
    a un banco di fiori e di piante
    di fronte alla statua di Dante
    ma il posto non gli sembra adatto.

    Ritornano a casa da scuola
    e sono già i re della strada
    c’è un dizionario che casca
    si abbassa una saracinesca.

    E giro giro giro per la città
    e sogno e rido e vivo nella città.

    Al cinema non si può entrare
    non vedi che c’è troppa ressa
    son tutti davanti alla cassa
    in piedi non ci voglio stare.

    Facciamo due passi all’aperto
    vediamo i negozi del corso
    di clacson comincia il concerto
    sei stanca andiamo a dormire.

    E giro giro giro per la città
    e sogno e rido e vivo nella città.

    Cosa ne pensi di "E giro, giro" di Giorgio Gaber?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti