Questo sito contribuisce alla audience di

    Qvesta sera sun propri trist
    voëri far du pass a ped
    voëri ndar in quel bel lucal
    doef se rid e se sta minga mal
    Cossa riden lo sa la madona
    cun quei pressi che gan de paga'
    mi me sembran vuna massa de pirla
    ndree' a plaudi' vun alter pirla
    E intant sfraten la povera gent che la fa la vitascia
    (la vitascia)
    e ala tele se vede Israele che spaca le brascia
    (spaca le brascia)
    e i drugat che se fann i punturr
    (sic sic)
    e i finoecc che se slarghen el cul
    (prot prot)
    Ciapen l'ais, venn chi denter al Zelig e ghe'l' tachen a tucc
    la lala la lalalala la lala lalala lalaaaa
    Martesana Martesana prosicugada
    (prosciugada)
    mi voeuri save' perche' certi di' te toeuren l'acqua
    (toeuren l'acqua)
    quand'eri juven ghe fasevi el bagn
    (el bagn)
    dess che sun vecc ghe foe pu un cass
    (vun cass)
    ma perche' non prosciughen el Zelig e ghe fann un monumento
    a Elio e le storie Tese?
    la lala la lalalala la lala lalala lalaaaa

    Cosa ne pensi di "Zelig : la cunesiu'n del pulpacc" di Elio E Le Storie Tese?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti