Vorrei essere
    il filo che ti cuce le carezze
    Vorrei essere
    Distanza che si unisce alla mancanza

    Tienimi come corda sospesa
    Ed appendi le parole che non sai più dire

    Scalda
    la mia mano stanca
    Usa la tua bocca
    Come una coperta
    Sto tremando e fuori non è inverno

    Vorrei essere le palpebre
    Che abbracciano i tuoi occhi
    Noi che tiriamo a campare
    Siamo un sorso di mandorle amare

    Scalda
    La mia mano stanca
    Usa la tua bocca
    Come una coperta
    Sto tremando e fuori non è inverno

    Lascia
    La tua unica certezza
    Fa perdere le tracce alla tua insicurezza
    Resta adesso
    Per ripartire da zero
    E ritrovare in un momento
    Il filo ch’è perduto

    Laisse courir mes doigts sur tes lèvres entrouvertes
    Faire taire tous les mots qui n’ont plus rien à y faire
    Le fil à portée de toi, j’aimerai l’être
    Mets y tes désirs et repartons de zéro

    Sto tremando e fuori non è inverno
    Lascia
    La tua unica certezza
    Fai perdere le tracce alla tua insicurezza
    Resta adesso
    Per ripartire da zero
    E ritrovare in un momento
    Il filo ch’è perduto
    Il filo ch’è perduto.

    Cosa ne pensi di "Il filo" di Cassandra Raffaele?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti

      Questo sito contribuisce alla audience di